Jesina, incontro in Comune per il futuro?

Sarebbe stato fissato per giovedì 16 maggio. Nel silenzio che ha fatto seguito alla fine della stagione agonistica, sembra sottintendere le difficoltà e l'incertezza attraversate dalla società leoncella in questa fase

Il presidente della Jesina Gianfilippo Mosconi
Il presidente della Jesina Gianfilippo Mosconi

JESI – Sarebbe stato fissato per domani, giovedì 16 maggio, un incontro in Comune fra la dirigenza della Jesina Calcio e l’amministrazione comunale. Un appuntamento che sarebbe stato richiesto dalla stessa proprietà leoncella, presumibilmente per parlare della situazione e del futuro della società di viale Cavallotti, forse per chiedere un aiuto o rilanciare l’allarme di cui già qualche settimana fa si era fatto promotore il presidente della Jesina, Gianfilippo Mosconi.

«Fare calcio a Jesi? Più che difficile, forse impossibile» aveva dichiarato Mosconi, in sella alla Jesina da giugno dello scorso anno, facendo riferimento ad una realtà calcistica a suo dire lasciata sola dall’imprenditoria del territorio e anche dalla stessa amministrazione comunale, cui non era stata risparmiata una più o meno velata critica.

Ora questo appuntamento, che nel silenzio che ha fatto seguito alla fine della stagione agonistica lascia presagire la difficoltà e l’incertezza attraversate dalla società leoncella in questa fase che dovrebbe essere di programmazione per il futuro. Ma se le risorse in più e i supporti necessari, di cui aveva parlato Mosconi nelle sue ultime dichiarazioni, non sono stati trovati, quale scenario si apre per la Jesina?