Centro Pagina - cronaca e attualità

Sport

Mister Pazzaglia: «Fabriano Cerreto buon esordio, ma anche rammarico»

I cartai hanno assaporato a lungo il “colpaccio” sul campo della Jesina, ma sono stati raggiunti 1-1 nel finale su rigore

La rete di Marengo che aveva portato in vantaggio il Fabriano Cerreto al 12' (foto di Maurizio Animobono)

FABRIANO – «Sono contento perché la squadra ha avuto un buon approccio al campionato, anche se siamo tornati a casa con un po’ di rammarico perché ad un certo punto la vittoria sembrava nostra». Così Simone Pazzaglia, allenatore del Fabriano Cerreto, all’indomani dell’esordio stagionale nel campionato di Eccellenza: 1-1 sul campo della Jesina.

«Siamo andati in vantaggio con Marengo dopo poco più di dieci minuti dal calcio d’inizio e, in un primo tempo avaro di occasioni su campo pesante, siamo andati anche vicini a raddoppio – ripercorre il match il tecnico del Fabriano Cerreto. – La nostra manovra è stata ordinata, stavamo gestendo il vantaggio senza soffrire troppo e il nostro portiere Santini è rimasto sostanzialmente inoperoso per tutta la partita. Purtroppo, a pochi minuti dalla fine, siamo stati raggiunti sull’1-1 a causa di un rigore molto discutibile, per un tocco della palla tra la coscia e la mano di Lispi. Una valutazione che ci è costata due punti. Pensavamo di riuscire a vincerla. Ad ogni modo la mia squadra ha disputato una buona partita».

Mister Pazzaglia passa ad esaminare anche le difficoltà incontrate per preparare questo match. «Non abbiamo potuto schierare Montagnoli, che per noi è molto importante – spiega il tecnico. – Inoltre, per Trofo era la prima uscita in assoluto con la nostra maglia, Perri e Candolfi avevano giocato solo sessanta minuti a testa in amichevole e Colonna era arrivato il venerdì sera. Penso, quindi, che ci siano molti margini per migliorare utleriormente non appena tutti i giocatori avranno imparato a conoscersi meglio».

La partita ha dato la possibilità di far giocare alcuni giovani. «Nota positiva è l’esordio assoluto in Eccellenza di Spuri, classe 2003, e Mulas, classe 2002 – dice Pazzaglia: – ragazzi locali, che si inseriscono nel progetto della società di valorizzare le risorse del territorio».

Mossa dunque la classifica alla prima giornata, pur con un solo punto, già si guarda avanti. Il prossimo avversario del Fabriano Cerreto, nel primo incontro interno stagionale (domenica 4 ottobre), sarà l’Atletico Azzurra Colli che ieri ha battuto 1-0 il Grottammare. «Prevedo un campionato di Eccellenza, come sempre, molto equilibrato – conclude mister Pazzaglia – in cui tutte le squadre, soprattutto quelle che hanno cambiato meno, sono pericolose: basti vedere le sconfitte all’esordio di squadre molto accreditate come Anconitana e Atletico Gallo. Penso che ci vorranno almeno una decina di giornate per vedere delineati i valori del campionato».