Centro Pagina - cronaca e attualità

Sport

Calcio dilettanti, i Portuali ufficializzano l’accordo per il settore giovanile

I Dockers attraverso la loro pagina ufficiale hanno reso noto l'accordo con la Junior Calcio Ancona per la creazione di un proprio vivaio in vista del futuro e della prossima stagione

Campo-Paolinelli
Il campo sportivo Paolinelli, quartier generale del nuovo settore giovanile dei Portuali

ANCONA – I Portuali Calcio Ancona avranno il loro settore giovanile. La storica società dilettantistica anconetana, a seguito di un accordo con la Junior Calcio Ancona, battezzerà il proprio vivaio che prenderà vita già nella prossima stagione.
L’ufficialità è arrivata tramite la pagina ufficiale dei Dockers con una nota pubblicata nella tarda serata di martedì 12 maggio: «Il calcio non sarà più lo stesso dopo il coronavirus. Soprattutto quello dilettantistico. Il momento che stiamo vivendo dovuto all’emergenza coronavirus porterà dei cambiamenti drastici, sia in campo economico che in quello sportivo. La parola d’ordine per le società diventerà una sola, il settore giovanile. Per questo motivo l’ASD Portuali Calcio Ancona avrà un suo vivaio, con le categorie juniores, allievi e giovanissimi fino all’attività di base, grazie alla collaborazione con l’ASD Junior Calcio Ancona. Le due società formeranno un’unica realtà giovanile, la Junior Portuali Calcio Ancona, che avrà come quartier generale, nel capoluogo, il centro tecnico federale “G. Paolinelli”. Il sodalizio nasce dalla volontà di proseguire, consolidare e migliorare il buon lavoro svolto dal settore giovanile della Junior guidata dalla presidentessa Susanna Mari dando continuità di sviluppo attraverso i Portuali. Questi ultimi, nel tempo, si sono dimostrati società solida, ambiziosa e attenta al territorio. A sigillare l’accordo sono stati Piero Medini per la Junior Calcio e Luca Cesaroni per i Portuali, confermando sin da subito la volontà di creare un qualcosa di duraturo nel panorama calcistico giovanile cittadino. Il neonato settore giovanile si avvarrà della presenza di istruttori qualificati Figc che saranno coordinati da persone esperte in materia di giovani. Priorità assoluta sarà data alla crescita del ragazzo in tutti i suoi aspetti, da quello educativo in primis fino a quello sportivo».

E poi un’idea per l’estate, compatibilmente con il protocollo sanitario: «Appena si avranno date certe da parte degli organi federali per il nuovo inizio dell’attività, verrà presentato ufficialmente il progetto. In attesa di capire la normativa vigente, si sta valutando anche la realizzazione di un camp estivo della durata di quattro settimane presso il campo sportivo “Paolinelli” che fungerà da apripista della nuova stagione sportiva».