Centro Pagina - cronaca e attualità

Sport

Ascoli, la pausa per lavorare e migliorare. In attesa dell’Entella al “Del Duca”

Giornate intense di lavoro per la rosa bianconera che sta cercando di sfruttare la lunga inattività forzata per recuperare gli elementi risultati positivi e lavorare ancora a fondo sulle idee di gioco di mister Bertotto

Il mister dell'Ascoli Valerio Bertotto

La lunga sosta che ha visto l’Ascoli costretta ai box per 2 settimane, prima per il rinvio forzato della gara di Pisa per i numerosi casi di positività in casa bianconera, poi quella di questa settimana per le gare delle nazionali, è stata occasione per tornare a lavorare a fondo per migliorare quanto fatto sino ad ora.

La squadra ha avuto così l’opportunità di tornare ad allenarsi pian piano a ranghi completi in vista della prossima gara che vedrà l’Ascoli impegnato al “Del Duca” con la Virtus Entella, domenica 22 alle ore 15:00, anche se sotto la guida del vice-allenatore Claudio Bazeu, vista ancora l’indisponibilità di mister Valerio Bertotto, anche lui alle prese ancora con la positività al virus. Sperando di poter recuperare l’intera rosa a disposizione, visto che l’Ascoli, insieme alla Reggiana, è risultata la squadra più colpita in questa seconda fase dell’emergenza, si sta lavorando anche per affinare l’intesa tra molti giocatori arrivati ad Ascoli proprio alla vigilia del torneo.

Convocati infine con le rispettive nazionali i bianconeri Amine Ghazoini, nella Nazionale Under 20 del Marocco per uno Stage e Dean Lico, nella Nazionale Under 21 dell’Albania per la disputa dei due match di qualificazione agli Europei di categoria contro Kosovo ed Inghilterra.

Lo stesso presidente Massimo Pulcinelli è voluto intervenire rassicurando la tifoseria sul ritorno della squadra a ranghi completi per la prossima gara:«Che periodo è per noi? Beh, abbiamo dieci positivi al Covid, quindi stiamo aspettando che si negativizzino. Bertotto? Tra poco uscirà anche lui dalla quarantena per riscattare le ultime prestazioni negative, insieme a tutta la squadra».

Il centrocampista Abdelhamid Sabiri, uno dei migliori dell’Ascoli in questo avvio di stagione

Il match di domenica infatti, si rivela già di importanza fondamentale visto il brutto avvio di torneo dei bianconeri, che in 6 gare ha visto l’undici di Bertotto vincere 1 solo match, pareggiarne un altro e perderne 4. Con i liguri, l’Ascoli avrebbe la possibilità di migliorare ulteriormente una classifica non buona, e soprattutto dimostrare la bontà delle idee di gioco di mister Bertotto, anche lui finito per essere in discussione. Questa la classifica della Serie BKT dopo la 7° giornata: Empoli 16 punti, Chievo 14, Frosinone 13, Lecce e Spal 12, Salernitana 11, Cittadella e Venezia 10, Monza 9, Brescia e Pordenone 8, Reggiana e Reggina 7, L.R. Vicenza 6, Cosenza 5, Ascoli, Pisa, Virtus Entella e Pescara 4, Pescara 3.       

L’Ascoli Calcio infine, ha voluto ricordare l’ex bianconero Dino Da Costa, scomparso nei giorni scorsi, all’età di 89 anni. Da Costa, ex attaccante di Roma, Fiorentina, Atalanta, Juventus, Verona ed Ascoli, fu il primo italo-brasiliano a vestire la maglia bianconera: era la s.s. 1967/68 quando Da Costa svolse nella città delle cento torri il doppio ruolo di giocatore-allenatore della allora Del Duca AscoliPatron Massimo Pulcinelli e il Club bianconero rendono omaggio alla memoria di Dino Da Costa ed esprimono profondo cordoglio alla Famiglia».