Centro Pagina - cronaca e attualità

Sport

Ascoli, pareggio in extremis al “Del Duca” con la Virtus Entella. Bianconeri rimasti in 9

Gli uomini di Bertotto riescono ad acciuffare il pareggio solo nel finale, raggiungendo l’1-1 con Sabiri nonostante l'inferiorità numerica a causa dell’espulsione di Buchel e Corbo

Ascoli-Virtus Entella 1-1, l'hurrà dei bianconeri prima dell'inizio della gara

ACOLI PICENO- Dopo tre settimane di stop forzato per il rinvio causa Covid della gara di Pisa e quello dovuto agli incontri delle rispettive nazionali, l’Ascoli tornava finalmente in campo per una gara ufficiale, al “Del Duca” contro la Virtus Entella.

Dopo una gara difficilissima, con un primo tempo bloccato e molto tattico con le squadre che non sono riuscite a creare palle gol pericolose, la ripresa ha visto prima l’espulsione dell’ascolano Buchel per doppia ammonizione, che costringe Bertotto a rivedere i propri piani, poi arriva un’altra ingenuità difensiva dei bianconeri Corbo che, persa palla in area, è costretto a fare fallo da ultimo uomo sul biancazzurro Mancosu, con l’arbitro costretto ad espellere il difensore e concedere la massima punizione ai liguri, trasformata dallo stesso Mancosu al ’74. All’ ’84, dopo una serie di cambi, arriva il pareggio dell’Ascoli, quasi insperato, vista la doppia inferiorità numerica, grazie ad una punizione dalla distanza. È l’attaccante Sabiri a calciare e regalare all’Ascoli il pareggio, grazie anche alla complicità dell’estremo difensore biancazzurro Borra, apparso molto incerto nell’occasione. Un pareggio che, per come si era incanalata la gara, vale di certo più di un punto in classifica, anche se la squadra di Bertotto non riesce ancora a vincere.

Questo il tabellino della gara del “Del Duca”:

ASCOLI-ENTELLA 1-1

ASCOLI (3-5-2): Sarr; Brosc, Corbo, Spendlhofer; Cavion (75′ Pierini), Sabiri, Buchel, Saric, Kragl; Cangiano (60′ Pucino), Tupta (68′ Chiricò). A disposizione: Sarr, Ndiaye, Avlonitis, Sini, Ghazoini, Lico, Donis, Gerbo, Bajic. Allenatore: Bertotto

ENTELLA (4-3-1-2): Borra; Coppolaro, Poli, Chiosa, Bonini; Settembrini (75′ Crimi), Paolucci (79′ Toscano), Mazzocco; Cardoselli (63′ Morosini); Petrovic (63′ Mancosu ), De Luca. A disposizione: Russo, Cleur, De Santis, Currarino, Pellizzer, Koutsoupias, Brunori, Schenetti. Allenatore: Tedino

ARBITRO: Gariglio di Pinerolo

RETI: 72′ rig. Mancosu, 84′ Sabiri

ESPULSI: 56′ Buchel, 70′ Corbo

Prosegue intanto il silenzio stampa in casa Ascoli, come comunicato dalla società. La scelta è stata adottata per fortificare ancor più il gruppo e per poter continuare a lavorare con la serenità necessaria in questo momento così delicato, anche se c’è tutto il tempo per recuperare. Silenzio stampa che dovrebbe continuare anche per tutta la prossima settimana.

Il mister dell’Ascoli Valerio Bertotto; la società sta valutando la sua posizione

Da valutare anche la posizione del tecnico Valerio Bertotto, con la società che dovrà decidere se proseguire il rapporto di collaborazione con il tecnico o trovare altre possibili soluzioni.

In classifica, l’Ascoli si trova ora terzùltimo a 5 punti, in compagnia della stessa Virtus Entella. A seguire Pisa e Pescara a quota 4, e Cremonese fanalino di coda con 3 punti. Nella prossima gara l’Ascoli sarà impegnato al “Penzo” di Venezia, sabato 28 novembre alle ore 14:00.