Centro Pagina - cronaca e attualità

Sport

Ascoli, il DS Bifulco: «Sappiamo di non aver fatto ancora nulla. Avanti un passo alla volta»

Il Direttore Sportivo appena insediato, è intervenuto raccontando come si è mosso dal momento del suo arrivo e, tracciando un primo bilancio, ha ringraziato l’ambiente per la compattezza dimostrata anche nei momenti più difficili

Il DS dell'Ascoli Giuseppe Bifulco

ASCOLI PICENO- Dopo l’importantissimo exploit di Cosenza, che ha portato all’Ascoli non solo i 3 punti, ma anche una buona dose di autostima, i bianconeri sono ora concentrati su un’altra gara, anche questa difficilissima, contro la Salernitana, prevista per venerdì 10 luglio alle ore 21.00 al “Del Duca”.

Per l’Ascoli è il DS Giuseppe Bifulco, appena insediato, ma al quale non è certo mancato il lavoro in queste settimane così frenetiche, a commentare la gara di Cosenza ed a fare il punto della situazione. Il primo argomento toccato dal DS è stato il tema degli stadi vuoti: «la nostra posizione, insieme a quella di altri club, è la ferma volontà di favorire l’apertura, almeno parziale, dello stadio per i nostri tifosi. Pensiamo possa essere un elemento di straordinaria importanza. E’ evidente che dopo i giusti adempimenti alle normative sanitarie ed alla buona condotta degli attori in causa, confidiamo in una parziale riapertura, così come avvenuto in altri settori. Come società abbiamo già avanzato in tal senso una nostra proposta alla Lega. Pensiamo che questa nostra richiesta possa naturalmente favorirci, grazie alla passione che hanno i nostri tifosi ed il calore che ci è stato dimostrato fuori dal campo, anche con risultati non certo ottimali. E’ stata proprio la compattezza dell’ambiente che ci ha portato a ripartire pian piano in campionato».  

Tornando al campionato, il DS Bifulco tiene i piedi bene in terra: «Sappiamo di non aver fatto ancora nulla. Abbiamo bisogno ancora di quella compattezza per raccogliere altri punti che sono ossigeno per questa stagione. Sappiamo che se il torneo fosse finito oggi saremmo andati allo Spareggio Play-Out con la Juve Stabia. Quindi la classifica non è ancora buona. Ci siamo messi comunque alle spalle una diretta concorrente. Dobbiamo continuare a tenere la guardia alta come stiamo facendo, con molta umiltà e con i piedi ben saldi in terra. Chiedo a tutti ancora di continuare ad essere uniti e spegnere ogni tipo di entusiasmo. Stiamo lavorando tantissimo e vivendo tutto alla giornata, con il massimo impegno. Non facciamo tabelle, ma guardiamo gara dopo gara cosa accadrà. Ora abbiamo in testa solo la Salernitana».

Bifulco conclude raccontando il suo impatto con l’ambiente: «inizialmente ho osservato lo stato dell’arte della società e della squadra. L’unica cosa che ho pensato di modificare è stata la guida tecnica. Il gruppo c’era allora e c’è naturalmente oggi, aveva solo bisogno di più certezze ed unità, invece di seguire cose irreali, pensando in grande. Bisogna ora pensare invece solo in piccolo e guardare all’obiettivo minimo. I valori ci sono ed i ragazzi l’hanno dimostrato. Mi sono assunto la responsabilità di scegliere la persona giusta in questo momento per il suo lato umano e la sua professionalità, soprattutto in una piazza del genere, con una passione incredibile. Davide Dionigi non è una scoperta per me, ma è un’applicazione di quello che lui rappresenta in quanto allenatore e uomo dalla carica e dalla voglia impressionante».         

Intanto sarà Federico Dionisi dell‘Aquila l’Arbitro designato per dirigere Ascoli-Salernitana, match valido per la 14^ giornata di ritorno del Campionato di Serie BKT. Gli Assistenti sono Daniele Marchi della sezione di Bologna e Domenico Palermo di quella di Bari.

Quarto uomo invece, Giacomo Camplone di Pescara.