Centro Pagina - cronaca e attualità

Sport

Clamoroso retrofront di Boldrini con l’Anconitana. Sul perugino c’è l’Ellera

L'ex giocatore del Matelica, dato dal ds Arcipreti per sicuro calciatore dei dorici, ha gelato tutti non presentandosi all'allenamento. Su di lui ci sarebbe la formazione umbra di Eccellenza

Arcipreti-Lelli
Il ds Arcipreti con lo staff tecnico dell'Anconitana

ANCONA- Doveva essere il giorno di Michele Boldrini (’85) all’Anconitana per il primo allenamento in biancorosso. Così non è stato, dando il via ad un altro pomeriggio clamoroso (in negativo) in questa lunga estate biancorossa. Lunedì sera, va ricordato, il direttore sportivo Alvaro Arcipreti aveva comunicato la firma dell’ex Matelica annunciando l’imminente arrivo all’ombra del Conero per la seduta di allenamento in programma al Dorico. Ieri, invece, Boldrini non solo ha negato la firma ma ha anche comunicato di vagliare al momento sia la proposta dell’Anconitana sia quella di un’altra squadra pervenuta negli ultimi giorni. Sarebbe imminente, secondo alcuni addetti ai lavori, il passaggio all’Ellera formazione di Eccellenza umbra che avrebbe superato la concorrenza dorica proprio nelle ultime ore.

E l’Anconitana come ha reagito? Mentre continua a montare il malcontento di una piazza già beffata in molteplici occasioni quest’estate (Pupeschi, Favo, Cheddira e Sbaffo solo per citare alcuni giocatori dati in arrivo e poi svaniti sul più bello) il direttore Alvaro Arcipreti ha garantito di avere in mano altre carte da giocare. Sarà vero? Quel che è certo è che il tempo per la prima gara ufficiale (il 27 settembre a Marina a porte chiuse, al netto di colpi di scena) sta diminuendo sempre di più e al momento la rosa allestita non è certamente da considerare come schiacciasassi nell’organico dell’Eccellenza marchigiana.

Anche la Curva Nord Ancona ha preso parola attraverso un comunicato emesso nella tarda serata di ieri: “Vista la stagione fallimentare dello scorso anno, fortunatamente o sfortunatamente , (dipende dai punti di vista) non conclusa e vista la inconcludenza attuale, nonostante i tanti proclami, è chiaro e lampante che ad oggi non siamo ancora pronti a ridosso del campionato a svolgere un ruolo da assoluta protagonista come la piazza meriterebbe, anzi stiamo cadendo nel ridicolo giorno dopo giorno.
Noi non tollereremo più tentennamenti e incertezze e l’unico obiettivo deve essere vincere. Pertanto è arrivato il momento di mantenere fede a tutte le promesse fatte a Curva Nord e a tutto il popolo biancorosso”.