Centro Pagina - cronaca e attualità

Sport

Calcio a 5, delle senigalliesi sorride soltanto l’Audax

In C2/A la squadra di Petrolati vince ad Ancona contro il Pietralacroce. Il mister: «Continuiamo così». Kappao Senigallia e Arcevia. Sconfitta in C1 anche per l'Ostrense

Audax S. Angelo 1970, mister Diego Petrolati

SENIGALLIA – Delle quattro formazioni di Senigallia e dintorni, soltanto una può sorridere dopo la seconda giornata di campionato. È l’Audax 1970 Sant’Angelo (C2/A) di mister Diego Petrolati che nel fine settimana ha superato 3-1 il Pietralacroce ad Ancona. Sconfitte tennistiche invece per Avis Arcevia (6-1) a San Costanzo e Aesse Senigallia Calcio con analogo risultato contro il Vallefoglia.

«Portare via punti dal Palascherma è sempre molto complicato – racconta Petrolati. Il P73 è squadra ostica e organizzata in entrambe le fasi, specialmente in quella difensiva. Siamo andati sotto dopo pochi minuti, ma non ci siamo per niente scomposti e abbiamo trovato il gol del pareggio, con il quale si è conclusa la prima frazione di gioco, grazie ad un ottimo schema di calcio d’angolo finalizzato da Pierpaoli».

Poi la vera svolta nella ripresa: «Nel secondo tempo abbiamo dimostrato grande maturità, superando indenni i momenti di difficoltà senza rinunciare alla fase offensiva. Dopo il gol dell’1-2, messo a segno da Conti su assist di Pacenti, siamo stati bravi a gestire il minimo vantaggio e a chiudere il match nei minuti finali grazie al secondo gol di Pierpaoli. Sono molto soddisfatto del rendimento e dell’impegno che i ragazzi stanno mettendo dal primo giorno di allenamento, ma al tempo stesso perfettamente consapevole che dobbiamo ancora crescere tanto e che la stagione è lunga e piena di insidie. Vanno pertanto evitati cali di concentrazione di qualsiasi tipo se vogliamo dare continuità al nostro positivo inizio di stagione».

Delle valmisane manca all’appello l’Ostrense che, nel massimo torneo di C1, ha registrato un kappao 6-7 contro il Real San Giorgio. Dopo due giornate, la classifica già piange. Ma la prestazione c’è stata e la squadra ha dato segnali di vivacità.