Centro Pagina - cronaca e attualità

Sport

Basket VL Pesaro, stasera gara 3. Banchi: «Sarà bello davanti al nostro pubblico»

L'allenatore biancorosso promette grande battaglia alla Virtus Bologna per cercare di allungare la serie il più possibile

Coach Luca Banchi

PESARO- Dopo le due sconfitte in gara 1 e 2 a Bologna la Carpegna Prosciutto Basket Pesaro si gioca il dentro o fuori questa sera in quella che potrebbe essere una decisiva gara 3. Allungare la stagione oppure andare definitivamente in vacanza, è questo lo spartiacque della partita di questa sera con la Virtus che da favorita assoluta vuole invece chiudere i giochi e mandare in ferie la VL.

Luca Banchi, coach della Carpegna Prosciutto, non ha ancora digerito la sconfitta in gara 2 e soprattutto come sia arrivata complice comunque l’esclusione di Tyrique Jones per cinque falli commessi a metà del terzo quarto quando ancora la VL era in partita. Inoltre si tratta della terza gara in praticamente cinque giorni e le energie iniziano ad essere sempre minori. «Questo format di playoff impone dei tempi di reazione immediati dal momento che si gioca ogni 48 ore – ha detto Banchi – ed è necessario capire come riuscire a rigenerarsi fisicamente, tecnicamente e mentalmente. Martedì sera siamo apparsi un po’ svuotati dopo la bella prestazione offerta in Gara 1, il cui epilogo ci ha lasciato tanto amaro in bocca».

Ora però si gioca a Pesaro. «Sarà bello ritrovare l’abbraccio e il calore dei nostri tifosi e questo è un ulteriore stimolo per la squadra nell’offrire una prestazione di alto profilo – ha sottolineato l’allenatore della VL – noi siamo orgogliosi di giocare questi playoff scudetto e non vogliamo essere semplici spettatori ma vediamo questa occasione come punto di partenza anche in ottica futura. C’è stanchezza a livello fisico e anche mentale, la nostra rincorsa all’ottavo posto è partita dall’ultima posizione ma in ogni caso abbiamo nel cuore le potenzialità per giocarci partite di alto livello e vogliamo che questa serie continui il più a lungo possibile».