Centro Pagina - cronaca e attualità

Sport

Basket serie A, VL Pesaro sei una meraviglia: battuta Milano

La Carpegna Prosciutto Basket Pesaro vince dopo un tempo supplementare contro Milano. Ecco la cronaca del match

La Carpegna Prosciutto Pesaro completa un capolavoro nel lunch match della 14ª giornata superando l’A|X Armani Exchange Milano dopo un tempo supplementare. L’avvio del match è molto equilibrato con le torri Melli (10 punti e 6 rimbalzi) e Bentil (9 punti e 5 rimbalzi) che rispondono a Sanford (16 punti) e un ottimo Camara in area. Nel finale di periodo, i marchigiani raggiungono anche il massimo vantaggio sul +6, trascinati dall’energia in uscita dalla panchina di Lamb e Tambone (21 punti), prima di un riavvicinamento dell’Olimpia targato Delaney (13 punti) e Kell (24-20).

Il momento favorevole della Carpegna Prosciutto continua anche nel secondo quarto, con Sanford a trovare con continuità il fondo della retina e un solido Jones (14 punti e 14 rimbalzi) sotto entrambi i tabelloni. Toccato il 30-23, un break di 4-13 con i sigilli di Hall (15 punti) e Delaney rimettono la sfida sui binari dell’equilibrio, nonostante un gran ‘buzzer beater’ firmato da Jones (40-38).Quest’ultimo resta inarrestabile anche ad inizio ripresa quando, tra rimbalzi in attacco e schiacciate, accompagna Sanford nel targare un nuovo allungo Carpegna Prosciutto sul 45-38.

L’A|X Armani Exchange, tuttavia, torna alla carica nella seconda metà del quarto, con Grant (11 punti) ed Hall a ricucire immediatamente lo svantaggio e a spegnere le fiammate di Delfino e Jones. Al termine del 30° minuto di gioco, Ricci piazza la bomba del controsorpasso Milano sul 52-55.Anche nell’ultimo quarto domina l’equilibrio, con Tambone e Sanford a rispondere all’impatto di Tarczewski e di un super Ricci (12 punti). Nella fase centrale del periodo, Milano prova a scappare con il ritorno sul parquet di Grant e Bentil (63-68). Pesaro, comunque sia, resta incollata agli avversari grazie a Jones e Delaney sul 70-73 entrando nei due minuti conclusivi della partita. Nel momento decisivo, Moretti (10 punti e 6 assist) prima sbaglia qualche tiro di troppo, poi recupera un pallone e serve Sanford per la gran schiacciata del -1. Dall’altra parte, tuttavia, sale in cattedra Delaney che segna una fenomenale tripla per il 72-76 a 17” dal termine dei regolamentari; Tambone risponde allora con la stessa moneta, Hall sul seguente fallo sistematico fa 1 su 2 a cronometro fermo mentre Moretti, scappando subito in contropiede subisce fallo e pareggia la partita con i liberi del 77 pari. L’ultima chance è nelle mani di Delaney, ma il suo tiro viene sputato dal ferro. Si va così all’overtime.

La lotta diventa ancora più agguerrita nel tempo supplementare, quando solo Hall dalla lunetta e un tiro in corsa di Delfino (12 punti) smuovono il punteggio ma non la parità. A 2’ dalla sirena conclusiva, Grant e Delaney riportano Milano avanti di 3 lunghezze, anche se poi Delfino dal post-basso e Larson a cronometro fermo ribaltano la situazione con 32” da giocare (83-82). Successivamente, Grant sbaglia un tiro dal centro dell’area e Tambone dalla lunetta rimette un possesso pieno di vantaggio tra le due squadre. L’ultima occasione se la prende Delaney ma la sua tripla si spegne sul primo ferro. Finisce 85-82.