Centro Pagina - cronaca e attualità

Sport

Badioli e il futuro della Goldengas. «Coach Foglietti? Sarà il primo ad essere interpellato sul futuro»

Intervista al direttore sportivo della Pallacanestro Senigallia, alle prese con incontri societari e dialoghi con giocatori e staff per programmare la prossima stagione sportiva

La Goldengas Senigallia
La Goldengas Senigallia

SENIGALLIA- Non giungono ancora novità dal mondo della pallacanestro sulla prossima stagione, al momento si sa solo che i campionati 2019/2020 sono stati definitivamente sospesi in attesa di conoscere il futuro. La Goldengas Pallacanestro Senigallia resta quindi alla finestra come tutte le altre compagini ed è difficile in questo momento programmare il futuro. Ne sa qualcosa il direttore sportivo Umberto Badioli, alle prese con incontri societari e dialoghi con giocatori e staff. Ecco il punto della situazione.

Ha incontrato la società dopo la quarantena?
«Ci siamo sentiti per telefono con il presidente e abbiamo fatto un paio di meeting online con i giocatori per il piacere di sentirsi e vedersi, seppur via webcam. La squadra di quest’anno era formata da ragazzi veramente piacevoli da frequentare».

Si è parlato di futuro?
«Non ancora, tutte le nostre attenzioni per il momento sono rivolte alla chiusura di questa strana stagione. Sono mancati gli incassi dalle partite e gli introiti di qualche sponsor in difficoltà. Stiamo parlando con i procuratori dei ragazzi per transare quanto dovuto. C’è molto senso di responsabilità in tutti, non sarà difficile trovare un accordo».

Qualche giocatore ha già confermato di voler restare?
«Per il momento sono due i giocatori sotto contratto, Gurini e Pozzetti. Credo ci sia la disponibilità di molti di restare, ma sono valutazioni che farà il coach. L’idea comune è quella di non modificare troppo la squadra per la prossima stagione».

A proposito di coach Foglietti: resterà?
«Tra qualche giorno chiuderemo il libro su quest’anno sportivo e finalmente si parlerà di futuro. Sicuramente il coach sarà il primo ad essere interpellato».