Centro Pagina - cronaca e attualità

Sport

Basket, la Ristopro Fabriano supera “mezza” Giulianova

I cartai conquistano la quarta vittoria stagionale contro gli abruzzesi che, pur privi di cinque elementi per Covid, nella prima parte del match sono stati pericolosi

La Ristopro Fabriano schierata prima dell'inizio del match con Giulianova

FABRIANO – Successo prevedibile della Ristopro Fabriano contro una Giulianova presentatasi al PalaGuerrieri in nove, senza cinque giocatori fermi per Covid (Spera, Cacace, Tognacci, Cantarini e Scarpone S.).

Non inganni l’ampio 88-64 finale, perché c’è stata partita per quasi tre quarti grazie all’impegno profuso dai “reduci” abruzzesi, bravi a sorprendere all’inizio i cartai: 5-18 al 7’ con i canestri degli indiavolati Dron e Thiam (ottimo ex di turno, 21 punti e 13 rimbalzi alla fine) e una difesa a zona 3-2 che ha dato frutti per ampi tratti dell’incontro.

La Ristopro (assente Di Giuliamaria per problemi muscolari) fa fatica a prendere il ritmo della partita, soprattutto in attacco, con appena 11 punti a segno nel primo quarto.

L’ingresso sul parquet di Papa (un concentrato di energia) e Paolin (tre triple di fila) consente a Fabriano prima di impattare e poi di sorpassare per la prima volta al 15’ (28-25). Una tripla del giovane Gulini – che ottiene sempre più spazio da coach Pansa – firma il primo tentativo di allungo cartaio (44-37 al 19’). 

Ma Giulianova non molla e, anzi, dopo l’intervallo ritorna a contatto aggrappandosi alla verve dei suoi tre diciannovenni Tersillo, Epifani e Dron, davvero encomiabili per atteggiamento e prestazioni (46-44 al 23’). I falli precoci, però, sono un campanello d’allarme per Thiam (unico lungo di ruolo degli abruzzesi). Il terzo quarto si conclude con un parziale sostanzialmente in equilibrio (19-16 per Fabriano).

La Ristopro, la cui forza e profondità d’organico non è paragonabile ai giuliesi, mette definitivamente la freccia nell’ultimo quarto, quando Giulianova proprio non ne ha più, e il match diventa un lungo “garbage time” in cui i cartai segnano a ripetizione mandando a referto per la prima volta in campionato anche Caloia e Re. L’incontro termina 88-64 per Fabriano, che però, soprattutto all’inizio, non ha brillato: buoni i due punti, che consentono alla Ristopro di volare al vertice della classifica. 

Questo il quadro completo della sesta giornata del girone: Civitanova – Ancona 63 -71, Roseto – Montegranaro 74-77, Fabriano – Giulianova 88-64, Jesi-Teramo 47-55.

Classifica: Fabriano e Ancona 8; Roseto, Jesi e Teramo 6; Giulianova e Civitanova 4; Montegranaro 2 (Ancona, Teramo, Civitanova e Montegranaro hanno giocato una partita in più).

Ristopro Fabriano – Giulianova = 88-64 

Ristopro Fabriano – Paolin 21 (1/2, 6/9), Papa 19 (6/9, 2/4), Gulini 11 (1/1, 2/2), Radonjic 10 (2/2, 1/2), Scanzi 5 (1/2, 1/3), Merletto 5 (1/3, 1/5), Marulli 5 (0/1, 1/5), Alibegovic 5 (1/3, 1/5), Misolic 4 (1/4 da due), Caloia 2 (1/1), Re 1 (0/1 da tre), Garri (0/3, 0/1); all. Pansa

Giulianova – Thiam 21 (8/13, 0/1), Dron 16 (3/6, 2/6), Di Carmine 9 (3/8, 1/3), Epifani 7 (0/1, 1/2), Tersillo 6 (1/3, 1/4), Malatesta 3 (0/1, 1/1), Panzini 2 (1/2, 0/4), Scarpone F. ne, Galliè ne; all. Zanchi

Arbitri – Picchi di Ferentino (Fr) e Bortolotto di Castello di Godego (Tv)

Parziali – 11-20, 33-17, 19-16, 25-11

Andamento – 11-20 al 10’, 44-37 al 20’, 63-53 al 30’, 88-64 finale