Coach Fantozzi dopo il derby: «La Ristopro Fabriano ha carattere»

Il tecnico commenta la vittoria conquistata a Senigallia per 69-75: «Anche stavolta dopo una settimana difficile abbiamo tirato fuori una prestazione importante». Tutte le curiosità sulla partita e sul prossimo turno (sabato 20 aprile) dal quale uscirà la griglia dei playoff

La Ristopro Fabriano schierata prima della partita in un PalaPanzini "sold out" (foto di Marco Teatini)

FABRIANO – La Ristopro Fabriano era chiamata al riscatto dopo la debacle interna contro Bisceglie e ha risposto presente nel derby marchigiano, andando ad espugnare il sempre ostico parquet del PalaPanzini con una vittoria sulla Goldengas Senigallia per 69-75 nel campionato di serie B di basket, girone C. 

«I miei ragazzi hanno ancora una volta dimostrato di essere una squadra di carattere – ha commentato nel dopo partita il coach fabrianese Alessandro Fantozzi – perché dopo i momenti peggiori hanno sempre tirato fuori prestazioni importanti: penso alla sconfitta dell’andata a Chieti e all’immediata vittoria a Nardò, alla sconfitta interna con San Severo cui ha fatto seguito il blitz a Bisceglie, alla sconfitta a Teramo e alla successiva vittoria a Giulianova, e ora questa. Ogni volta che giochiamo una partita al di sotto delle nostre possibilità, poi abbiamo la forza di rialzarci».

I playoff all’orizzonte. I due punti conquistati consentono alla Ristopro Fabriano di mantenersi al terzo posto in classifica a quota 36 a pari merito con Pescara (con cui i cartai sono in vantaggio negli scontri diretti) e Bisceglie (con cui invece sono in svantaggio). Il piazzamento finale si deciderà sabato 20 aprile nell’ultima gara di “regular season”, che Fabriano giocherà in casa contro Teramo. Mentre Pescara e Bisceglie si affronteranno fra loro.

Classifica alla mano, se Fabriano riuscirà a battere Teramo chiuderà terza (in caso di contemporanea vittoria di Pescara) o quarta (se a vincere sarà invece Bisceglie). Se Fabriano dovesse perdere con Teramo, per concludere fra le prime quattro (e quindi avere il vantaggio del campo al primo turno dei playoff), contemporaneamente dovrà verificarsi la vittoria di Bisceglie a Pescara, altrimenti sarà quinta e non avrà il vantaggio del campo.
Ad ogni modo, i cartai sono padroni del proprio destino: se vinceranno, rientreranno sicuramente fra le prime quattro. Sarà quindi un match da non perdere – in tutti i sensi – quello di sabato 20 aprile al PalaGuerrieri contro Teramo (ore 20.30).

Derby emozionante – Tutto esaurito al PalaPanzini di Senigallia, domenica 14 aprile: oltre mille spettatori presenti, con più di trecento fabrianesi in trasferta. Da una parte il biancorosso senigalliese, dall’altra il biancoblù dei cartai: uno spettacolo, nel segno della correttezza in campo e sugli spalti. La Ristopro prova a scappar via fin da subito, ma la Goldengas non ci sta e all’intervallo i cartai sono avanti solo di sette (33-40). Nel terzo quarto, però, Fabriano inizia ad eseguire assiduamente il piano partita: cioè puntare sui lunghi, per mettere in difficoltà Senigallia che è priva dell’infortunato Pierantoni. E cosìm con i canestri dell’ispirato Ivan Morgillo (splendido il duello con il fratello Alessandro, 16 punti a testa), la Ristopro Fabriano riesce ad allungare fino a +19.
È 
il 28’ quando l’applaudito ex Paparella (reduce da una settimana di influenza e quindi sul parquet solo 17 minuti) infila la tripla del 41-60 tra il visibilio dei tifosi fabrianesi che già assaporano una marcia trionfale. Invece, ci sarà da soffrire fino alla conclusione. La Goldengas dimostra – per l’ennesima volta in questa stagione – una “tigna” infinita: trascinata dagli spunti di Giacomini (e approfittando anche dei numerosi errori dalla lunetta dei cartai) risale addirittura a -2 (69-71) a 12” dalla sirena. Brividi sulla tribuna fabrianese. Prontamente fugati da Gatti (2/2) e Monacelli (2/2) che dalla linea stavolta non falliscono e portano il tabellone sul definitivo 69-75, prima vittoria in assoluto della Ristopro Fabriano sul campo della Goldengas Senigallia. E come lo scorso anno, quando il risultato fu inverso, il giusto “fair play” finale, applausi per tutti, con i tifosi fabrianesi che hanno abbracciato e salutato sia i propri giocatori che quelli senigalliesi. 

“Reginetta” dei derby – Quello andato in scena al PalaPanzini è stato l’ennesimo derby marchigiano dell’anno in serie B, l’ultimo. La Ristopro Fabriano è stata quella che in questa stagione ne ha vinti di più, 7 su 8 (2-0 con Senigallia, 2-0 con Ancona, 2-0 con Porto Sant’Elpidio, 1-1 con Civitanova). Complessivamente, ecco la “mini” classifica: Fabriano 7 vittorie e 1 sconfitta, Senigallia 5-3, Civitanova 4-4, Ancona 3-5, Porto Sant’Elpidio 1-7. Considerando che lo scorso anno la Ristopro ne vinse solo 2 su 8, anche qui un bel passo in avanti. 

Classifica (a una giornata dal termine) – San Severo 52; Chieti 40; Bisceglie, Fabriano e Pescara 36; Senigallia 32; Corato 30; Nardò 28; Giulianova 26; Civitanova 24; Ancona 22; Teramo 20; Porto Sant’Elpidio 16; Catanzaro 6; Campli -2.

GOLDENDAS SENIGALLIA – RISTOPRO FABRIANO = 69-75 

GOLDENGAS SENIGALLIA – Giacomini 23 (2/8, 6/8), Morgillo A. 16 (8/11), Gurini 14 (1/2, 1/3), Giampieri 11 (3/5, 1/4), Maggiotto 3 (1/4, 0/3), Ricci M. 2 (0/1, 0/1), Ricci F. (0/2, 0/1), Pierantoni ne, Figueras Oberto ne, Crescenzi ne, Maiolatesi ne, Fronzi ne. All Foglietti

RISTORO FABRIANO – Morgillo I. 16 (5/8, 1/2), Gatti 15 (5/7, 1/3), Bryan 14 (4/7 da due), Masciarelli 11 (4/4, 1/3), Monacelli 9 (2/3, 1/2), Paparella 6 (2/6 da tre), Dri 4 (0/5, 1/3), Cimarelli, Mencherini (0/1 da tre), Bordi ne, Marisi ne. All. Fantozzi

ARBITRI – Borrelli di Cercola (Na) e Di Martino di Santa Maria la Carità (Na)

PARZIALI – 15-22, 18-18, 12-20, 24-15