Centro Pagina - cronaca e attualità

Sport

Il basket regionale si ferma, la Goldengas no: gran gesto di solidarietà

La famiglia Petrolini e la Pallacanestro Senigallia protagonisti di una donazione importante agli Ospedali Riuniti di Ancona per affrontare l'emergenza Coronavirus

Un time-out della Goldengas Senigallia- Foto Claudio Bartoli

La notizia di ieri ha gettato nello sconforto il movimento cestistico italiano, ovvero l’ufficialità della sospensione definitiva di tutti i campionati regionali di ogni categoria, minibasket, giovanile, senior, femminile e maschile. Una scelta forse doverosa vista la situazione sanitaria non ancora in via di risoluzione.

La LNP ha però inviato al presidente FIP la richiesta di interruzione anche per il campionato di Serie B, ma in questo momento non giungono notizie in merito. Anzi, la Pallacanestro Senigallia ha messo a segno un bel punto nel campo della solidarietà. «Tutti i ragazzi, giocatori, tecnici, dirigenti, la famiglia della società Pallacanestro Senigallia, lontani, ma fortemente uniti, partecipano ancora una volta con orgoglio i valori profondi e la sensibilità umana e sociale che la famiglia Petrolini e il Gruppo Goldengas, esprimono ancora una volta tangibilmente, avendo deciso di sostenere, con una importante somma, gli Ospedali Riuniti Ancona». Questo quanto comunicato dal club, un gesto importante che potrà sicuramente aiutare tante persone che in questi giorni stanno lottando contro il Covid-19.

Come detto, non ci sono ancora notizie ufficiali per quanto riguarda i campionati nazionali di pallacanestro, ma la Goldengas sa che sarà difficile ripartire: “Il campionato è ormai praticamente finito – si legge in una nota –, si sono sopiti gli incitamenti, fermi i rulli di tamburo, silente il tifo più civile del torneo. Ma troviamo motivo, nel gesto della famiglia Petrolini, per applaudire ancora una volta con entusiasmo e compiacimento, distanti, ma vicinissimi, al canestro più bello e speciale della Goldengas, che ci esalta e ci fa felici in questi giorni tristi”.