Merletto, il “mago” della Ristopro che fa innamorare Fabriano

Il play biancoblù ha segnato 20 punti nel successo a Montegranaro. «Ma, al di là di questo, la partita l'abbiamo vinta in difesa». Da oggi il via alla preparazione in vista del big-match di domenica al PalaGuerrieri contro la capolista Piacenza, avanti due punti in classifica

Daniele Merletto, play della Ristopro Fabriano, 26 anni, 175 centimetri (foto di Marco Teatini)

FABRIANO – «La partita l’abbiamo vinta in difesa». È l’analisi di Daniele Merletto, play della Ristopro Fabriano, dopo il successo dei cartai in quel di Montegranaro per 72-76.

«Nel secondo tempo abbiamo cambiato marcia, mettendoci più energia – racconta – e tutti i canestri facili che avevano fatto loro nel primo tempo, in particolare con Caverni, non ci sono più stati. Sì, l’abbiamo vinta in difesa contro una squadra tosta».

Due punti importanti e sudati, che consentono alla Ristopro di rimanere al secondo posto del campionato di serie B di basket, a quota 14, sulla immediata scia di Cento e Piacenza, le due capolista che guidano a 16.

«Dopo la sconfitta di domenica scorsa in casa contro Cento, – dice Merletto – volevamo fortemente portare a casa questi due punti, su un campo difficile e contro una squadra che fa dell’energia il proprio punto di forza, con giovani talentuosi. La nostra vittoria è stata di carattere. Ci tengo a ringraziare i nostri tifosi che anche stavolta ci hanno seguito numerosi e ci hanno sempre sostenuto».

Proprio le accelerazioni di Merletto, nella seconda parte del match e soprattutto nel finale, sono state preziosissime per centrare il successo: alla fine è stato il “top scorer” con 20 punti, frutto di 7/8 ai liberi, 5/8 da due e 1/4 da tre. «Ma al di là dei miei punti – ribadisce Merletto – la partita l’abbiamo vinta in difesa».

Continuando a dare uno sguardo ai numeri della partita, a livello individuale risaltano i 19 punti di Garri con 9 falli subiti (che sono comunque pochi rispetto alla miriade di contatti che ha subito), i 12 rimbalzi di Radonjic in soli venti minuti, inoltre dal peso specifico enorme sono stati i canestri dalla lunga distanza nell’ultimo quarto di Del Testa e Petrucci, mentre Paolin ha dato “gas” soprattutto all’inizio.

Di squadra, Fabriano ha vinto 42-28 a rimbalzo, mentre per la prima volta in questa stagione non è stata precisa dalla lunetta (22/32).

Da oggi, martedì, si torna in palestra dopo un giorno di riposo per iniziare a preparare la prossima sfida, un altro big-match, contro la capolista Bakery Piacenza, domenica 24 novembre al PalaGuerrieri di Fabriano (ore 18). Obiettivo: cercare di agganciare gli emiliani in classifica.