Centro Pagina - cronaca e attualità

Sport

Benetti carica la Ristopro in vista della trasferta a San Severo

L’ala fabrianese, reduce da una buona prestazione: «Sarà la nostra ultima partita con il roster rimaneggiato, dovremo dare tutto»

Gabriele Benetti atletica ala della Ristopro Fabriano, 7,7 punti e 5,2 rimbalzi di media finora (foto di Marco Teatini)

FABRIANO – Stringere i denti. È quello che dovrà fare la Ristopro Fabriano in vista della prossima partita, in trasferta a San Severo domenica 23 gennaio (ore 18). Per la squadra cartaia, in fondo alla classifica con 4 punti e reduce da sette sconfitte di fila, sarà l’ultima gara con la “rosa” ridotta, poi dalla settimana successiva potranno esordire i nuovi innesti Hollis e Tommasini.

Stringere i denti, dunque. «A San Severo dovremo andare con la cattiveria agonistica di una squadra che ricorda la brutta partita dell’andata (sconfitta 67-100, nda), questo dovrà caricarci ulteriormente e darci forza per reagire, soprattutto perché sarà l’ultima che affronteremo con il roster rimaneggiato». A parlare è l’ala biancoblù Gabriele Benetti, reduce da una buona prova individuale nel match perso domenica scorsa a Chieti (per lui 17 punti e 8 rimbalzi) con la squadra che è rimasta a contatto per 35’ ma poi ha subito il break che le è costata la sconfitta di sei lunghezze.

«Ci serve un successo, è l’unica cosa di cui abbiamo bisogno per uscire da questo momento di difficoltà – prosegue Benetti. – Domenica a Chieti ci è mancato qualcosa, ma abbiamo fatto vedere dei progressi. Abbiamo messo più energia e determinazione in campo, credo si sia percepito anche dall’esterno».

Sarà necessario, dunque, continuare sulla strada della crescita, poi dal turno successivo ci saranno anche i “nuovi” Hollis e Tommasini a dare man forte alla squadra di coach Pansa. «D’ora in poi ogni partita per noi vale più di due punti, saranno tutte finali – dice in proposito Benetti. – Chiunque affronteremo, dovremo farlo con aggressività, determinazione ed energia, è l’unico modo per riuscire a risalire».