Centro Pagina - cronaca e attualità

Sport

A2: il derby marchigiano è della Halley Thunder Matelica, battuta Civitanova

Basket A2 femminile: match intenso e caratterizzato da molti errori, le padrone di casa conquistano i due punti e salgono a metà classifica, le ospiti restano all'ultimo posto

Benedetta Gramaccioni del Matelica palla in mano, ostacolata dalla civitanovese Anna Rylichova (foto di Paolo Peverieri)

FABRIANO – Nell’ottava giornata di ritorno del campionato di serie A2 femminile di basket, la Halley Thunder Matelica è tornata prontamente alla vittoria e lo ha fatto aggiudicandosi il derby marchigiano con la Feba Civitanova per 54-51, bissando così il successo dell’andata.

Non è stato comunque facile, per le ragazze matelicesi di coach Orazio Cutugno, avere ragione della giovane e mai doma formazione rivierasca, che – pur ultima in classifica (8 punti) – ha dato ancora una volta dimostrazione di vitalità.

Grazie a questi due punti la Halley Thunder sale a quota 18 in classifica, momentaneamente fuori dalla zona play-out e nella prospettiva di disputare un altro imminente match chiave per la salvezza: mercoledì 23 marzo ancora in casa con l’Alma Basket Patti (palasport di Cerreto d’Esi, ore 19).

Tornando al derby con la Feba, è stato un incontro caratterizzato da molti errori, con basse percentuali al tiro e tante palle perse da entrambe le parti.

Matelica, dopo un inizio favorevole a Civitanova (6-11 al 5’ sulla tripla di Paoletti), ha sempre guidato l’incontro.

Il sostanziale equilibrio durato fino all’intervallo lungo (28-24) è stato spezzato da un inizio di terzo quarto folgorante firmato principalmente da Gramaccioni, un break di 11-2 in tre minuti che conduceva la Halley Thunder sul 39-26 al 23’.

Matelica raggiungeva il massimo vantaggio di +14 al 29’ sul 46-32.

Negli ultimi dieci minuti la Feba Civitanova con grinta e sudore tentava il tutto per tutto aggrappandosi in attacco a Rylichova (top-scorer alla fine con 22 punti) e, rosicchiando il vantaggio matelicese, arrivava fino a 51-48 a 47” dalla sirena conclusiva grazie ad un canestro della neoentrata Pronkina.

Sul capovolgimento di fronte Aispurùa (buona prova per l’ala di Matelica, con 15 rimbalzi) mandava a bersaglio la tripla decisiva del 54-48 a 20” dalla fine.

Rispondeva a sua volta Rylichova con un tripla immediata (54-51) che faceva mantenere il fiato sospeso, ma la Halley Thunder – pur pasticciando nei dieci secondi dell’ultima azione offensiva – blindava il match in proprio favore con questo risultato.

Per quanto riguarda il resto della giornata, il fattore campo è saltato a Capri (dove Firenze si è imposta 52-55 nonostante le campane abbiamo avuto una Dacic straordinaria con 29 punti e 13 rimbalzi), mentre per il resto hanno vinto tutte le squadre di casa: Vigarano (Perini 22) per 72-63 con La Spezia, Patti per 84-65 con Ponte Buggianese, Battipaglia (Vojtulek 22 e 12 rimbalzi) per 66-57 su Savona. Rinviato a causa di alcuni casi di Covid il derby sardo Cagliari vs Selargius, così come il match d’alta quota Umbertide vs San Giovanni Valdarno.

Classifica – San Giovanni Valdarno 30; La Spezia e Firenze 28; Umbertide 26; Vigarano 22; Battipaglia 20; Selargius, Cagliari e Matelica 18; Savona, Patti e Capri 16; Ponte Buggianese 10; Civitanova 8.

Halley Thunder Matelica – Feba Civitanova Marche = 54-51

Halley Thunder Matelica – Ridolfi ne, Stronati, Albanelli 4, Ardito 1, Gramaccioni 15, Gonzalez 17, Zamparini ne, Aispurùa 5, Michelini 3, Pallotta 9, Franciolini, Offor ne. All. Cutugno

Feba Civitanova Marche – Armillotta ne, Paoletti 10, Angeloni 2, Bocola 4, Morbidoni, Trobbiani 4, Binci, Severini, Giacchetti 4, Rylichova 22, Malintoppi 3, Pronkina 2. All. Carmenati

Arbitri – Lucia Bernardo di Aprilia (Lt) e Federica Servillo di Termoli (Cb)

Parziali – 15-15, 13-9, 18-12, 8-15