Centro Pagina - cronaca e attualità

Sport

Basket, il cuore di Jesi non basta: Teramo espugna il PalaTriccoli

L’Aurora The Supporter lotta nonostante le assenze per infortuni e per covid, ma sono gli abruzzesi ad avere la meglio al termine di un match intenso

The Supporter Jesi - Rennova Teramo

JESI – Nulla da fare contro infortuni e covid. La The Supporter Jesi lotta su ogni pallone, ci prova con il cuore e il sudore, ma è la Rennova Teramo ad avere la meglio al PalaTriccoli. Finisce 47-55.

Aurora ancora priva dell’infortunato Nelson Rizzitiello, deve fare a meno, causa covid, anche di Magrini e di Cocco. Lo starting five è pertanto composto da Giacchè, Giampieri, Valentini, Ferraro, Quarisa. Rispondono gli ospiti con Faragalli F., Rossi, Di Bonaventura, Esposito, Tiberti. È proprio quest’ultimo ad appoggiare a tabella i primi due punti del match, oltre a far sentire la sua presenza in difesa sotto le plance con quattro stoppate. Quattro anche i minuti che servono per vedere il primo canestro dei padroni di casa con Giacchè dalla lunga distanza, seguito dal compagno Ferraro nella successiva azione. Subito elevata l’intensità e basso, di conseguenza, il punteggio. Il quarto si chiude con la tripla sulla sirena del teramano Rossi.

Complice un fallo tecnico, l’avvio del secondo parziale sorride agli abruzzesi, che prendono qualche punto di margine. Ed è sempre Giacchè a riportare i suoi in parità. Coach Marcello Ghizzinardi si sgola in panchina per spronare gli arancioblu. Il tabellone segnapnti si continua a muovere a fatica. Il primo tempo termina con i biancorossi avanti di due lunghezze. Si va negli spogliatoi.

Sale subito in cattedra Giampieri in avvio di terzo quarto, regalando il sorpasso alla The Supporter. Anche Quarisa, però, è costretto ad abbandonare il campo causa crampi. Jesi è brava comunque a non scomporsi, nonostante la giovanissima età in campo del quintetto (il più “vecchio” è il 27enne Giampieri ndr.).

Ultimi dieci minuti da giocare, con Jesi che stringe i denti per cercare di ottenere i sudatissimi due punti. Il tabellone è sostanzialmente fermo, non segna più nessuno. 41-42 al 36°. Teramo, tuttavia, grazie sicuramente all’esperienza dei suoi uomini, sembra più lucida e allunga. La The Supporter, stoica fino all’ultimo, non ne ha più e deve cedere il passo.

The Supporter Jesi – Rennova Teramo: 47-55 (12-14, 22-24, 39-38)