Centro Pagina - cronaca e attualità

Sport

Aurora Jesi, riconfermato anche Massimiliano Ferraro

Dopo Daniele Cocco e Nelson Rizzitiello, il sodalizio arancioblu blinda anche l'ala triestina, aggiungendo un ulteriore importante tassello per la prossima stagione

Massimiliano Ferraro

JESI – Daniele Cocco, Mirko Gloria, Matteo Fabi, Antonio Valentini. E ora anche Massimiliano Ferraro. Tre conferme e due novità per l’Aurora Jesi. Dopo il rinnovo del lungo abruzzese e di Valentini, e gli acquisti del centro siciliano e del playmaker, il sodalizio arancioblu guidato da Altero Lardinelli decide di tenersi stretto anche Ferraro.

Ala di 198 centimetri, classe 1998 e under, Massimiliano Ferraro è un prodotto del Settore Giovanile di Trieste, sua città natale e prima squadra con cui ha esordito e militato nel campionato di A2 dal 2014 al 2017. Nella stagione successiva per l’ala giuliana arriva la prima chiamata lontano da casa, alla corte della Pallacanestro Crema in Serie B. Una stagione, quella in terra lombarda, in cui “Max” si mette in mostra come uno dei prospetti più interessanti. Nel primo anno lontano da Trieste, Ferraro colleziona buone statistiche mostrando tutta la sua duttilità: mano morbida, rimbalzi e intelligenza cestistica. Caratteristiche, queste, che gli valgono la chiamata di Cesena nella stagione seguente, una bellissima cavalcata culminata prima nella finale di Coppa Italia, persa con Omegna, e quella Playoff in cui i suoi Tigers hanno ceduto solamente all’ultimo atto. L’anno successivo ecco la chiamata da quella A2 sfumata sul più bello la stagione prima: Ferraro, infatti, si divide tra Orzinuovi e Assigeco Piacenza, ultima tappa prima dell’approdo a Jesi.

Un’Aurora in cui Ferraro sarà ancora protagonista dopo la scorsa stagione: partito come “3” titolare, dopo l’infortunio di Rizzitiello (la cui riconferma non dovrebbe essere in discussione), Max, spostato quasi sempre nello spot di “4”, ha mostrato tutta la sua duttilità e la sua voglia concludendo l’annata con 11,1 punti, 6,2 rimbalzi di media e quasi il 50% da 2 punti e il 31% da 3. Senza dimenticare, ovviamente, la tripla decisiva a Padova, quella valsa i playoff. Anche nella prossima stagione, Ferraro ricoprirà nuovamente un ruolo centrale, tornando in quello spot di “3” per lui più naturale, oltre a essere uno degli elementi di continuità con il roster dello scorso anno.

«Siamo molto contenti di poter annunciare la permanenza di Max per un’altra stagione con noi – afferma il team manager arancioblù Carlo Maria Audino –. Per lui non c’è bisogno di grosse presentazioni, parla la stagione fatta lo scorso anno, un’annata non semplice in cui l’ala giuliana è cresciuta notevolmente partita dopo partita risultando una pedina tattica molto importante, in attacco come in difesa».

Anche in questa nuova esperienza con la casacca della The Supporter Ferraro vestirà la canotta numero 1.