Aurora Jesi beffata da Ozzano

Gli arancioblu, privi di Pederzini e di Giacchè, perdono in casa contro la capolista. Non basta il cuore per battere gli emiliani

Aurora Jesi - Sinermatic Ozzano

JESI – Ozzano espugna l’Ubi Banca Sport Center. Non basta il cuore all’Aurora Jesi per avere la meglio della Sinermatic, attuale capolista della serie B. Si decide all’ultimo secondo.

Arancioblu, che devono fare a meno di Pederzini a causa di un infortunio al ginocchio e di Giacchè, in campo con Bottioni, Giampieri, Magrini, Casagrande e Lovisotto. Rispondono gli ospiti con Chiusolo, Montanari, Iattoni, Morara, Crespi. Impeccabile l’avvio degli uomini di coach Alessandro Valli, subito sul 6-0 grazie a Magrini, Lovisotto e Casagrande. La Sinermatic però non si scompone e riduce rapidamente il gap approfittando di qualche indecisione in attacco degli jesini. È Chiusolo, dalla lunga distanza, a regalare il vantaggio ai suoi. Si procede punto a punto fino al termine del primo quarto.

Micevic è di nuovo determinante, come domenica scorsa contro Senigallia, e piazza canestri da ogni parte del campo, oltre a far sentire la sua fisicità sotto le plance. Partita equilibratissima, si risponde colpo su colpo, attente entrambe le difese. Non è un caso che al 20esimo minuto di gioco è perfetta parità.

Al rientro dagli spogliatoi è un festival degli errori. Il punteggio non si schioda, i giocatori si innervosiscono e arrivano addirittura i falli tecnici. Aurora e Sinermatic restano appaiate. Fino a quando coach Valli, per un passi a suo dire non fischiato, si becca il tecnico. Ozzano si porta a +7. Gli arancioblu non perdono la testa e, senza forzare, riducono il margine e si riportano sotto, ancora sospinti da Micevic. Ci si gioca tutto negli ultimi dieci minuti.

Magrini, in avvio del quarto, pareggia i conti dalla lunga distanza. Si scalda anche il pubblico del palas, . Ma gli ospiti non sono per caso al vertice della classifica. Migliori mette la sua prima tripla, seguito da Micevic. Ma poi si prende un antisportivo assolutamente evitabile ed esce dal match per raggiunto limite di falli. 61-62 a 3° dal suono della sirena. Ozzano si affida al veterano Dordei, lo jesino Magrini non molla. E a 26 secondi dalla fine, il cecchino Giampieri infila la bomba. Parità a 66-66. Dordei, con appena 5 secondi sul cronometro, non sbaglia. L’Aurora ha in mano la palla che vale il match. Micevic riceve palla dalla rimessa ma pesta la linea, finisce così.

Prossimo match, domenica 20 ottobre a Rimini per Jesi.

Aurora Jesi – Sinermatic Ozzano: 66-68 (16-17, 34-34, 48-51)

Spettatori: 756