Centro Pagina - cronaca e attualità

Sport

Basket 2000, non c’è luce in fondo al tunnel: kappao anche con l’ultima

La formazione di Tonucci viene superata dal Magika e scivola in solitaria in fondo alla classifica: Senigallia ha raccolto solo due punti in otto partite

Non si arresta la striscia negativa del Basket 2000 MyCicero Senigallia: le ragazze di Giulio Tonucci tornano a mani vuote anche da Castel Pietro Terme, nel testacoda contro il Magika Pallacanestro. Punteggio finale di 71-55 per le padrone di casa.

La settimana delle senigalliesi non era iniziate con i migliori auspici, visto l’infortunio di Sordi rimediato nella gara con Ancona, che non le ha consentito di esprimersi ai suoi consueti livelli, cui si è aggiunto l’attacco febbrile di El Haiti, che l’ha costretta a letto fino a venerdì. Tuttavia, in campo, il BK2000 è partito bene, con un quintetto inedito (Cattalani, Formica, Lazzari, Angeletti e Bonacci).

Nel primo quarto le squadre hanno gareggiato alla pari. Poi nel secondo l’ingresso in campo della sopracitata Sordi ha creato un breve vantaggio di nove punti a favore, ma recuperato dalle emiliane alla fine del tempo, terminato in vantaggio dalla squadra di casa di un punto. Come non bastasse, alla lunga lista di atlete kappao, si è integrata anche Formica, che dopo uno scontro di gioco è stata costretta a lasciare il match.

Al rientro dall’intervallo lungo il patatrac: infortunio alla caviglia di Angeletti. A quel punto Senigallia ha iniziato a sbandare e le avversarie si sono portate sino al 71-55 al suono della sirena.

«Purtroppo non sapremo mai se questi due infortuni abbiano causato la sconfitta, ma sicuramente aggiunti ad una scarsa vena realizzativa sottocanestro e una mancanza di gestione del pallone, hanno avuto un peso decisamente importante nell’evoluzione della gara», ha commentato amaramente la dirigenza del Basket 2000 MyCicero. Sta di fatto che la partita ha relegato all’ultimo posto in classifica le senigalliesi e altri due infortuni che saranno valutati in settimana: quella che porta alla prossima partita, ancora fuori casa, questa volta a Forli, contro l’unica squadra che Senigallia ha battuto.