Centro Pagina - cronaca e attualità

Sport

Atletica Fabriano, finale di stagione con molte soddisfazioni

Ragazzi, Cadetti e Master in evidenza nelle ultime uscite, inoltre da sottolineare gli acuti di Lorenzo Riccioni al Trofeo Coni e la novità rappresentata dal junior Matteo Spuri, che si sta bruciando le tappe tra i velocisti

FABRIANO – Finale di stagione per l’Atletica Fabriano, ancora impegnata a certi livelli e con quasi tutte le categorie agonistiche.

A Montecassiano, i Master si sono aggiudicati 16 titoli regionali, 5 medaglie d’argento e 2 di bronzo, un bottino che avrebbe potuto essere ancora più consistente senza qualche assenza forzata. Da sottolineare il rientro agonistico (dopo cinque anni di assenza) di Valentino Teodori, 2.08 di personale nel salto in alto, prima di dover segnare il passo per un infortunio al piede di stacco.

Splendide le prestazioni dei Cadetti Filippo Danieli e Sofia Coppari in quel di Isernia, dove hanno ottenuto probanti record personali nel getto del peso, Filippo con metri 14.44, Sofia con 13.15. Entrambi stanno ritoccando la preparazione in vista dei prossimi Campionati Italiani di categoria.

A Crotone, invece, il giovanissimo Lorenzo Riccioni (13 anni) è stato sesto nella finale nazionale del Trofeo Coni di Prove Multiple, ribadendo tutto il suo talento, nonostante la gara di salto in alto non sia stata proprio congeniale alle sue possibilità, ma vincendo comunque nettamente i 60 metri.

A Livorno, intanto, brillava ancora di luce propria l’ultimo arrivato in casa biancorossa, lo junior Matteo Spuri, in grado di piazzare un 400 metri a 50″56. Ora lo attendono le distanze inferiori, i 100 ed i 200 metri, tutte da scoprire, per lui che è all’esordio assoluto in atletica. Il suo talento è indiscutibile e domenica, a Cremona, lo dimostrerà ancora.

Infine, i più piccoli di nuovo in azione, in Ancona, nell’ambito dei giochi dell’Adriatico: Thomas Bergamo, Alessio CozzaSimone Lippera, Lorenzo Salimbeni, Francesco LanotteLuis Da Silva, Alessandro Malizia, Mattia Poeta, Agata Mingarelli e Teresa Ninno (12-13 anni) sono stati protagonisti nelle rispettive discipline, con un bel bottino finale di medaglie.