Centro Pagina - cronaca e attualità

Sport

Atletica, Angela Mattevi trionfa nella “Dieci di Ancona”

Nella competizione podistica organizzata dalla Sef Stamura, l'azzurrina si è aggiudicata il successo tra le donne. Tra gli uomini vittoria per il keniano Simon Kibet

Foto Fidal Pierangeli-Carloni-Crudele
La Mattevi nel gruppone dove figura anche Simone Barontini (in maglia blu)

ANCONA- Si è disputata senza intoppi e in sicurezza la prima edizione della “Dieci di Ancona” organizzata dalla Sef Stamura nel centro del capoluogo nella giornata di domenica 25 ottobre. Con circa 400 atleti ai nastri di partenza la prestazione più esaltante nella 10km prevista è stata quella dell’azzurra Angela Mattevi. In quella che può considerarsi una prova podistica di assoluto livello, l’azzurrina dell’Atletica Valle di Cembra ha fatto registrare in ambito femminile il tempo di 35’11” precedendo Eliana Patelli della Gs Gabbi, Silvia Tamburi dell’Avis Perugia, Denise Tappatà della Sef Stamura e Ilaria Sabbatini dell’Avis Macerata.

Tra gli uomini il successo è andato al keniano Simon Kibet Loitanyang (Tx Fitness) che si è imposto in 30’24 davanti a Stefano Massimi della Sef Stamura, Michele Belluschi del Grottini Recanati, Fabio Conti del Winner Foligno e Mattia Franchini dell’Amatori Osimo. Tra i partecipanti anche il campione anconetano ottocentista Simone Barontini. Presenti alla kermesse l’assessore allo sport del Comune di Ancona Andrea Guidotti e il presidente della Sef Stamura Michele Pietrucci.

SALA STAMPA

Angela Mattevi: «Sono piena di gioia per essere tornata in gara su un bel percorso, impegnativo per i saliscendi. Ho viaggiato quasi sempre insieme a Simone Barontini, l’ottocentista anconetano che è stato un punto di riferimento durante la gara e mi ha dato consigli utili. Da un paio di mesi riesco ad allenarmi con continuità, avendo risolto una frattura da stress all’osso sacro e un problema alla cartilagine del ginocchio che erano emersi dopo i cross di gennaio. Non sono del tutto soddisfatta per il crono finale, anche perché si è fatto sentire un po’ il vento, ma riparto da qui».