Anconitana, Ciampelli: «La società farà le sue valutazioni»

Il tecnico biancorosso, fortemente a rischio esonero, ha parlato al termine della gara persa sul campo del Valdichienti Ponte evidenziando le difficoltà di una squadra che non vince dal match interno con il Porto d'Ascoli

L'Anconitana sconfitta dal Valdichienti Ponte

CORRIDONIA- Davide Ciampelli al capolinea? È la sensazione che hanno in questo momento tutti i tifosi dell’Anconitana, a maggior ragione dopo la sconfitta (la seconda stagionale) dei dorici con il Valdichienti Ponte.

Il 2-1 del “Martini” di Corridonia (vista l’indisponibilità dell’impianto di Villa San Filippo) ha certificato il calo dei dorici che non vincono dal match interno del Porto d’Ascoli datato 13 ottobre. Questo il commento di Ciampelli in merito alla sconfitta:

«Abbiamo giocato male tecnicamente e agonisticamente. La sconfitta è giusta e viene al termine di una prestazione in cui sono venute a mancare rabbia, voglia di vincere e tranquillità. Questa squadra fatica ad avere la lucidità nel gestire certi momenti della partita. Dopo il gol del pareggio ci siamo messi di nuovo ad aspettare e abbiamo subito il gol. Una squadra che ha ambizioni di alta classifica non può prendere le reti che abbiamo preso noi».

Sul rischio esonero: «La società farà le sue valutazioni come le fa quotidianamente. Mi aspettavo un altro atteggiamento in campo. Se mi sento padrone di questa squadra? Ci mancherebbe altro però la situazione è difficile perchè l’ambiente giustamente vuole di più».