Centro Pagina - cronaca e attualità

Sport

Calcio Serie C, mister Colavitto dopo la sconfitta dell’Ancona Matelica contro la Fermana: «Troppo impulsivi»

L'Ancona Matelica nel giro di pochi giorni ha raccolto zero punti in due partite. Il kappò con la Fermana è sicuramente più pesante. Sabato a Viterbo non ci sarà Gasperi squalificato, ci saranno però Papa e Delcarro

Mister Colavitto

ANCONA – Il tecnico dell’Ancona Matelica Gianluca Colavitto non è riuscito ad eguagliare Vincenzo Guerini. L’ex allenatore biancorosso, infatti, nella stagione 1991/92, vinse sei partite di fila in casa. Colavitto, con il passo falso di ieri al Del Conero, si è fermato a cinque. Se a Reggio Emilia lo stop ci poteva stare per la forza della Reggiana, contro la Fermana il kappaò è stato inaspettato. «Peccato, la partita l’avevamo aggiustata ma sull’1-1 siamo stati troppo impulsivi e abbiamo pagato – ha detto nel dopo gara -. Queste gare non le devi perdere, cercheremo di capire come è stato possibile. Dobbiamo recuperare, ho dato due giorni di riposo ai ragazzi e poi ci proietteremo sulla trasferta di Viterbo perché ora più che mai dobbiamo riprendere a marciare e fare punti».

La Fermana ha dato la sensazione di essere più concentrata…

«La squadra non mi è dispiaciuta ma abbiamo profuso troppe energie nervose e fisiche. Ripeto, dopo il pareggio di Rolfini (capocannoniere del girone con 7 reti, ndr) dovevamo essere più riflessivi ma la volevamo vincere spinti anche da questo fantastico pubblico che anche oggi ci ha sostenuto. Cambia qualcosa nei miei obiettivi? Io faccio il mio percorso settimanalmente, ora dobbiamo recuperare al più presto. Faccio anche i complimenti alla Fermana perché vincere al Del Conero, il nostro fortino, non è mai facile». 

Da sinistra sono arrivati i pericoli maggiori, Maurizii in giornata no? «Stiamo viaggiando a ritmi molto elevati, – spiega Colavitto – quando certe squadre si approcciano ad affrontarti danno qualcosa in più. Pannitteri ha portato palla per trenta, quaranta metri e questa cosa non può succedere. Se non fosse arrivato il gol magari non ci avremmo neanche pensato. Non dobbiamo commettere certi errori, andremo ad affrontare organici molto forti che si trovano attualmente dietro di noi in classifica».

La nota lieta è il recupero di Delcarro. Vista la squalifica di Gasperi, toccherà a Papa a Viterbo? «A Papa non ho dato minuti perché Gasperi stava giocando bene mentre ho lanciato nella mischia Delcarro. Valuteremo in settimana ma sono contento di aver recuperato due giocatori per noi molto importanti».

La squadra riprenderà a lavorare martedì al Paolinelli.