Centro Pagina - cronaca e attualità

Sport

Ancona Matelica, il ds Micciola: «Colavitto deve restare»

Prevendita a gonfie vele in vista della partita di domenica primo maggio (fischio di inizio alle 18). Finora sono stati venduti più di 1600 biglietti. È probabile che al Del Conero ci siano circa 4000 spettatori

Il Mister Gianluca Colavitto, a sinistra, con il DS Francesco Micciola

ANCONA – Il rinnovo di Gianluca Colavitto, il mercato, ma soprattutto la partita casalinga con l’Olbia. Con il direttore sportivo biancorosso Francesco Micciola, abbiamo toccato questi punti. Inutile nascondere che il momento è molto delicato, non a caso, l’uomo mercato dorico, è più ermetico del solito.

Micciola, a che punto siamo con l’allenatore? Sarà ancora Colavitto a guidare la squadra il prossimo anno?
«C’è questa volontà. Vanno limati solamente alcuni dettagli, spero che si concluda il prima possibile».

Esclude colpi di scena quindi…
«È un mister che stimo tantissimo, lo conosco bene ed ho tanta fiducia in lui».

Quando vi rivedrete per definire?

«Dopo il summit di ieri (mercoledì, ndr), abbiamo rimandato tutto alla prossima settimana. Confido tantissimo sul nostro mister, ha fatto cose importanti in questa stagione che non è ancora finita peraltro. Per il sottoscritto può fare ancora meglio, ma adesso concentriamoci sulla gara del primo maggio».

Facciamolo…
«Sono vicino a questo gruppo che ci ha regalato tante soddisfazioni. Li vedo concentrati, la squadra sta bene sia mentalmente che fisicamente. Affrontiamo l’Olbia, una compagine che dispone di elementi forti, hanno ampiamente meritato l’accesso agli spareggi. L’Ancona nutre profondo rispetto per i sardi, giocheremo con la massima umiltà al cospetto di una formazione che ha vinto sul campo del Modena. Gli unici ad essere riusciti a violare il Braglia, un campo storicamente difficile. Lo stadio della prima della classe che ha ottenuto la promozione in B».

L’Olbia che giudizio dovrebbe avere dell’Ancona?
«Il fatto che abbiamo vinto in campionato sia all’andata che al ritorno, non significa nulla. Si azzera tutto e si ricomincia da capo. Come spiegavo prima stiamo bene, c’è la giusta serenità».

Diversi addetti ai lavori affermano che i biancorossi saranno la sorpresa dei playoff
«Mi fa piacere, sono contento di queste previsioni. Che però lasciano il tempo che trovano. Sappiamo tutti che sarà durissima».

Lei Micciola rimane dell’idea che la squadra di quest’anno sia andata oltre ogni più rosea previsione?
«Sinceramente non me l’aspettavo che avremmo fatto così bene. All’inizio le premesse sono sempre ottime, però l’organico, a differenza dello scorso anno, è stato rinnovato profondamente. Posso dire che ci speravo, questo sì. Se ci troviamo in lizza per gli spareggi vuol dire che è stato fatto un grandissimo lavoro da parte di tutti. Dalla società, allo staff tecnico, finendo appunto con i calciatori».

Che idea si è fatto sulle altre gare in programma, per esempio su Pescara-Carrarese?
«Penso solo alla nostra di partita. Le altre le vedrò sicuramente, ma è chiaro che può accadere di tutto e quindi, se ci fossero risultati clamorosi, non resterei sorpreso».

A che punto siamo con il mercato?
«Ogni argomento è rimandato a più avanti, ora non è proprio il momento».

In conclusione Micciola: lo sa che domenica ci sarà il pubblico delle grandi occasioni?
«I tifosi non ci hanno fatto mai mancare il loro appoggio. Speriamo di regalargli tante altre soddisfazioni. Sarà bellissimo ammirarli e sentire così tanto affetto. I calciatori lo meritano».

Prevendita a gonfie vele in vista della partita di domenica primo maggio (fischio di inizio alle 18). Finora sono stati venduti più di 1600 biglietti. E’ probabile che al Del Conero ci siano circa 4000 spettatori.