Centro Pagina - cronaca e attualità

Senigallia

Concluso il progetto “Ci sto? Affare fatica!” a Serra de’ Conti

Il ringraziamento dell'amministrazione comunale ai ragazzi, ai tutor e gli handyman per i lavori di pulizia del territorio

I giovani del progetto "Ci sto? Affare fatica!" impegnati a Serra de' Conti
I giovani del progetto "Ci sto? Affare fatica!" impegnati a Serra de' Conti

SERRA DE’ CONTI – Si è conclusa ai primi di agosto l’esperienza del progetto “Ci sto? Affare fatica!”, promosso e finanziato dalla Regione Marche e gestito dal CSV Marche. Sono state due settimane nelle quali i ragazzi, dai 16 ai 21 anni, del territorio si sono rimboccati le maniche per abbellire, sistemare e curare il centro storico, i giardini e i parchi del paese.

A dare sostegno alla squadra serrana sono arrivati dei ragazzi residenti a Montecarotto: tutti vestiti e riconoscibili con la maglia rossa del progetto, sono giovani che hanno deciso di partecipare di mettersi in gioco, conoscere nuove persone e sporcarsi le mani per la comunità, per rendere il proprio territorio un posto migliore. E tutto questo durante il periodo estivo, proprio quello in cui solitamente si vuole staccare la spina senza dedicarsi a nuovi impegni.

Divisi in gruppi, i partecipanti hanno svolto piccoli lavori di cura del verde, pulizia di strade e sentieri, tinteggiatura di panchine e staccionate, accompagnati da un giovane volontario (tutor) col ruolo di guida e coordinatore e da un adulto “tuttofare” (handyman) che ha dato alcune nozioni e spiegato un po’ le competenze tecniche/artigianali di base per il lavoro sul campo.

Dal Comune di Serra de’ Conti è arrivato il «sentito ringraziamento» a tutti coloro che si sono impegnati in prima persona, «ai tutor Giovanni e Gaia e ai preziosissimi handyman Patrizio, Gigi, Peppe, Patrice, Claudio, Fabrizio, Gisleno, Franca e Savina, che hanno dedicato a questa iniziativa il loro tempo».

I protagonisti del progetto "Ci sto? Affare fatica!" a Serra de' Conti
I protagonisti del progetto “Ci sto? Affare fatica!” a Serra de’ Conti