Centro Pagina - cronaca e attualità

Senigallia

Truffe informatiche e assicurative: due vittime a Senigallia, tre denunce

Due persone residenti a Senigallia si sono rivolte al Commissariato di Senigallia perché raggirate da dei giovani di origine campana

Operazione della Polizia di Senigallia contro il caporalato
Il commissariato di pubblica sicurezza di Senigallia e la sede del comando locale della polizia stradale

SENIGALLIA – Viene fermato e controllato, gli agenti trovano il veicolo senza assicurazione e si scopre così che il conducente era stato abbindolato. E’ accaduto a Senigallia dove un cittadino pakistano è caduto vittima di un raggiro da parte di un noto truffatore campano, individuato e denunciato. I fatti risalgono ad alcuni giorni fa, quando l’uomo, da tempo residente a Senigallia, ha sottoscritto con una nota società assicurativa un contratto per la propria auto dopo aver visionato il sito e aver parlato con un operatore. Pagato il bonifico di 300 euro, in poche ore gli sono arrivati i documenti. Ma nel giro di qualche giorno l’amara sorpresa.

Durante un controllo stradale, il conducente è stato fermato dalla Polstrada che ha trovato l’auto priva di assicurazione. Sospettando quindi di essere stato truffato, l’uomo è andato in Commissariato per sporgere denuncia. Ricostruita tutta la vicenda gli agenti sono riusciti a individuare la struttura che aveva prodotto i falsi documenti, del tutto simili agli originali, e a risalire al responsabile che ha beneficiato del versamento del bonifico: si tratta di un 20enne campano, con numerosi precedenti per reati contro la persona ed il patrimonio, e che è stato perciò denunciato.

Gli agenti del Commissariato di Senigallia hanno denunciato anche altre due persone, sempre per truffa. Vittima questa volta è un giovane senigalliese che cercava sul web una nota console per videogiochi. Dopo aver trovato un articolo dal prezzo interessante, si era accordato per versare la cifra di 500 euro al venditore che nel giro di un giorno avrebbe dovuto spedire il pacco. Di questo però non s’è vista traccia per una settimana, quando il giovane ha deciso di sporgere denuncia. Dopo gli accertamenti, i poliziotti sono riusciti a risalire a un 22enne campano, con il quale il giovane senigalliese aveva impostato la trattativa, e a una 25enne dell’est Europa che aveva beneficiato del bonifico. Entrambi sono stati denunciati all’autorità giudiziaria per il reato di truffa.