Centro Pagina - cronaca e attualità

Senigallia

Ancora in terapia intensiva il giovane ferito in Indonesia dopo un incidente

Sono stabili ma ancora gravi le condizioni del senigalliese travolto da un camion a Bali. La famiglia sta organizzando il viaggio per il rientro in Italia. Procede bene invece la raccolta fondi

Marco Raffaeli
Marco Raffaeli

SENIGALLIA – Dopo un grave incidente a Bali, in Indonesia, dopo il ricovero d’urgenza in ospedale e dopo un intervento durato ben 9 ore, sono stabili ma ancora serie le condizioni di Marco Raffaeli. Il 31enne di Senigallia – travolto lo scorso 21 aprile da un camion mentre in sella a uno scooter tornava a casa – si trova ancora in terapia intensiva dove i medici lo hanno in cura da circa una settimana.

Oltre alle varie fratture riportate nel sinistro stradale contro un mezzo pesante, la situazione più preoccupante è al torace: Marco ha subito il collasso di un polmone che ha complicato le operazioni chirurgiche. È stata effettuata anche una tac, il cui esito verrà inviato dal personale dell’isola indonesiana ai medici dell’ospedale regionale a Torrette di Ancona per una consulenza.

«Dopo nove ore – ha spiegato il fratello Andrea, l’unico che, poiché già all’estero, è riuscito a raggiungerlo in Indonesia a causa delle restrizioni per il coronavirus – l’operazione è andata bene. Ci sono state alcune complicanze ma Marco sta reagendo alla grande».

Nonostante il quadro clinico sia stabile, il giovane senigalliese non è ancora in grado di affrontare il viaggio per il rientro in Italia: la famiglia è in contatto con la Farnesina per organizzare un volo speciale con un’èquipe medica, ma l’organizzazione sembra essere molto onerosa: oltre 170 mila euro.

Per far fronte alle spese sanitarie e logistiche è stata avviata una raccolta fondi: in tre giorni ha superato i 70 mila euro. Il fratello Andrea ha voluto ringraziare quanti hanno donato finora e quanti stanno collaborando per far tornare Marco a casa nonostante le difficoltà e le restrizioni dettate dall’emergenza coronavirus.