Centro Pagina - cronaca e attualità

Senigallia

Tasse e imposte non pagate: mancano 2,5 milioni di euro al Comune di Senigallia

Tari, Iuc, imu, tasi, imposta di soggiorno e affitti: all'appello mancano ingenti risorse che l'Ente deve ancora avere dal triennio 2016-2018. In consiglio comunale si discute della riscossione coattiva

Il municipio di Senigallia in piazza Roma
Il municipio di Senigallia in piazza Roma

SENIGALLIA – Non tutti i cittadini o le attività pagano le tasse e il Comune vanta crediti che non riesce a riscuotere con importanti difficoltà poi in sede di bilancio. La cosa non è del tutto una novità, ma gli importi crescenti hanno costretto l’amministrazione comunale a fare alcune valutazioni su come riscuotere quanto dovuto. Si discuterà nella prossima seduta nel consiglio comunale di Senigallia di martedì 29 ottobre della gestione del servizio di accertamento e riscossione dei tributi e delle entrate locali. Un argomento molto delicato ma anche complesso, poiché tratta delle insolvenze di alcuni cittadini ed attività che ricadono sul bilancio complessivo, generando come spesso accade buchi importanti da sanare con apposite variazioni.

In particolare nell’anno 2017 si sono avuti buchi dalle tasse per oltre 338 mila euro solo per quanto riguarda l’ici, l’imu e la tasi e più di 778 mila euro per tarsu, tares, tari, con quasi 900 pratiche aperte. Quote che per il 2018 sono salite addirittura a 759 mila per ici, imu e tasi, mentre sono scese a a 336 mila euro per i rifiuti.
Per quanto riguarda gli affitti dei locali comunali, l’Ente deve riscuotere ancora 75 mila euro per l’annualità 2016; oltre 85 mila euro del 2017 (su un totale di 736 mila €, quindi poco meno del 12%) e ben 125 mila euro per il 2018 (a fronte di un dovuto che ammonterebbe a 687 mila €). Il totale è di quasi 2,5 milioni di euro. Da questi numeri si comprende l’importanza per il Comune della vicenda e capire come ottenere il risultato finale, cioè che vengano saldati i debiti.

A relazionare sul tema delle tasse non riscosse sarà Gennaro Campanile, assessore con delega a risorse finanziarie e patrimoniali, sviluppo economico e commercio, che presenterà la proposta di delibera del Consiglio Comunale N° S-OF/2019/2291 del 29 ottobre 2019.

La gestione delle funzioni relative all’accertamento e alla riscossione ordinaria della I.U.C. (Imposta Unica Comunale) è sempre stata svolta all’interno dell’ente, dall’Ufficio Tributi e canoni che si è occupato anche dei mancati riversamenti dell’imposta di soggiorno, mentre l’Ufficio Patrimonio gestiva le procedure legate al mancato incasso dei fitti attivi. Dal luglio 2017 la riscossione coattiva di tutte le entrate comunali, tributarie e patrimoniali è stata data in concessione all’Agenzia delle Entrate-Riscossione che però non si è rivelata così efficace nel recupero dei crediti vantati dal Comune. «Un impatto negativo sulla situazione contabile dell’Ente – si legge nella relazione della dirigente Laura Filonzi – che non può essere sottovalutato», proprio perché il bilancio del Comune si regge sulle entrate delle imposte locali. Da qui la scelta di affidarsi a un altro concessionario fin dal luglio 2018 per quanto riguarda le tasse minori (occupazione suolo pubblico, affissioni, tari giornaliera, ecc) del Comune di Senigallia.

Ora però c’è la necessità di esternalizzare anche le funzioni relative alla riscossione coattiva della I.U.C. e dei mancati riversamenti dell’imposta di soggiorno oltre che del mancato pagamento delle sanzioni amministrative applicate in materia e dei fitti attivi. L’amministrazione comunale si appoggerà dunque a soggetti terzi iscritti in apposito albo (con la formula dell’offerta più vantaggiosa per il Comune), con la motivazione che tale forma di gestione risulta essere più conveniente sotto il profilo di economicità, efficienza, efficacia e funzionalità. La durata dell’accordo è di cinque anni, prorogabile per altri tre. Di questo si parlerà in consiglio comunale, a partire dalle ore 15:30. Diretta video streaming sulla piattaforma digitale senigallia.halleymedia.com, mentre gli atti all’ordine del giorno sono disponibili su Openmunicipio.