Centro Pagina - cronaca e attualità

Senigallia

Tagliano e asportano legname senza autorizzazione, denunciati due agricoltori

Nei guai due imprenditori a Serra de' Conti: non avevano l'autorizzazione per l'esecuzione dei lavori, né per prelevare i materiali del demanio, per cui sono stati accusati anche di furto aggravato e ricettazione

SERRA DE’ CONTI – Rischiano pesanti multe e persino la reclusione fino a sei anni i due imprenditori agricoli denunciati per esecuzione di opere senza autorizzazione paesaggistica, furto aggravato e ricettazione di legname pubblico. I controlli dei Carabinieri Forestali delle Stazioni di Sassoferrato e Arcevia hanno permesso di accertare che per oltre 750 metri lungo il Fosso di San Fortunato erano stati avviati dei lavori di taglio della vegetazione arborea ed arbustiva, senza alcuna autorizzazione paesaggistica e su aree sottoposte a vincolo.

Il cantiere si sarebbe dovuto estendere per ben 2500 metri lineari sulla sponda idrografica sinistra del fosso, un affluente del fiume Misa nel territorio di Serra de’ Conti, ma il blitz effettuato nei giorni scorsi ha fermato l’intervento.

I Carabinieri Forestali intervenuti hanno accertato che i lavori hanno pesantemente modificato il paesaggio e danneggiato il delicato ecosistema ripariale: la vasta area interessata è stata praticamente denudata della vegetazione, rimanendo dunque esposta a un grave rischio di erosione e per questo è stata posta sotto sequestro.

L'area posta sotto sequestro dai Carabinieri Forestali a Serra de' Conti
L’area posta sotto sequestro dai Carabinieri Forestali a Serra de’ Conti

Centinaia di alberi, tra cui esemplari di Olmo e Acero campestre protetti dalla legge forestale regionale, erano già state abbattute. Inoltre gran parte del legname, principalmente di robinia e olmo, che avrebbe dovuto essere lasciato sul posto a disposizione del demanio, è stato oggetto di furto aggravato come legna da ardere di buon valore. Illecitamente sottratto il legno è poi finito nei poderi dei due imprenditori agricoli, mentre altri cumuli ancora presenti lungo il Fosso di San Fortunato erano già pronti per essere trasportati altrove. Tutto il legname tagliato, come il cantiere, è stato posto sotto sequestro poi convalidato dalla Procura della Repubblica di Ancona, mentre per i due imprenditori è scattata la denuncia.

L'intervento dei Carabinieri Forestali a Serra de' Conti
L’intervento dei Carabinieri Forestali a Serra de’ Conti