Centro Pagina - cronaca e attualità

Senigallia

Senigallia, il sindaco spinge per riaprire alle auto il ponte Angeli dell’8 dicembre 2018

Da mesi l'opera è pronta e aperta solo al transito pedonale e ciclabile. Il primo cittadino vorrebbe velocizzare l'atteso passaggio formale dalla Regione al Comune

Il nuovo ponte Angeli dell'8 dicembre 2018, a Senigallia
Il nuovo ponte Angeli dell'8 dicembre 2018, a Senigallia

SENIGALLIA – Ancora nulla di certo per ponte II Giugno, ora rinominato “ponte Angeli dell’8 dicembre 2018” in memoria delle giovani vittime della tragedia alla Lanterna Azzurra di Corinaldo. Doveva ormai essere riaperto completamente anche al traffico veicolare ma manca una parte della documentazione finale, quella che darebbe il via alle auto sulla nuova infrastruttura tra il corso principale di Senigallia e via Carducci.

Secondo il sindaco Massimo Olivetti e l’assessore ai lavori pubblici Nicola Regine si dovrebbe trattare di un’attesa di pochi giorni, poche settimane al limite, ma senza una traccia scritta non si sbilanciano ulteriormente e l’apertura definitiva potrebbe slittare a ottobre.

Nel frattempo, sul ponte inaugurato lo scorso 2 luglio 2021 dopo il rifacimento totale si continua a transitare a piedi e in bicicletta: auto e mezzi pesanti potranno circolarvi solo dopo il formale passaggio dell’opera dalla Regione Marche al Comune di Senigallia. Per velocizzare questa fase è previsto un incontro tra il primo cittadino e l’assessore regionale all’urbanistica Stefano Aguzzi.

L’ipotesi sull’utilizzo del ponte Angeli dell’8 dicembre 2018 dovrebbe rimanere quella che era stata formalizzata in una ordinanza poi ritirata lo scorso luglio. I veicoli a motore potranno circolare con direzione di marcia da sud a nord, tutti i giorni feriali, dalle ore 6 alle ore 16, con velocità limitata a 30 km/h, mentre non potranno transitarvi nelle altre giornate e fasce orarie. Dalle 16 in poi nei giorni feriali e tutto il giorno nei festivi, il ponte sarà solo pedonale e ciclabile, con l’attivazione dei dissuasori stradali a scomparsa.

Sarà sempre consentito il transito ai mezzi delle forze di polizia e ai mezzi di soccorso impegnati nei servizi di emergenza.