Centro Pagina - cronaca e attualità

Senigallia

Sicurezza stradale e piste ciclabili: niente contributi per Ostra Vetere

Amministratori comunali nel mirino delle associazioni cittadine: «Avranno avuto loro ragioni per non partecipare al bando, o forse non saranno stati ammessi. Ma l’una o l’altra spiegazione è comunque grave»

Il complesso monumentale di san Francesco al Mercatale, in piazza della Libertà a Ostra Vetere
Il complesso monumentale di san Francesco al Mercatale, in piazza della Libertà a Ostra Vetere

OSTRA VETERE – Polemiche in paese dopo l’annuncio sui contributi regionali per la sicurezza stradale. Soldi che non pioveranno qui, suscitando il malumore dell’associazione Montenovonostro. Così come nei giorni scorsi era venuta fuori la lamentela di un’altra realtà politico culturale che però faceva riferimento al tema delle piste ciclabili.

Tra i 29 comuni della provincia di Ancona beneficiari dei 2,3 milioni di euro assegnati dalla Regione (139 nelle Marche per 11 milioni complessivi, mentre sono 300 mila per l’area senigalliese e valmisa) per rendere le strade comunali più sicure e qualitativamente migliori anche ai fini commerciali e turistici, non compare infatti il Comune di Ostra Vetere, come annunciato il 2 novembre scorso dall’assessore regionale alle infrastrutture Francesco Baldelli.

«Con le strade che abbiamo qui da noi e come sono ridotte, speravamo di trovarvi anche il nostro nell’elenco dei Comuni interessati. Macchè. Ostra Vetere non c’è. Ci sono quasi tutti i Comuni qui d’attorno, ma il nostro proprio non c’è. Che delusione – ha reso noto l’associazione Montenovonostro – Ora è noto che il nostro Comune ha parecchi problemi di sicurezza e di dissesto stradale, come è altrettanto noto che la nostra viabilità non è proprio al massimo. Forse gli amministratori comunali non se ne sono accorti di quanto è precario lo stato delle nostre strade? Avranno avuto loro insondabili ragioni per non partecipare al bando, e forse gli amministratori comunali si decideranno anche a spiegarcele perché non hanno partecipato. O forse hanno partecipato e non saranno stati ammessi. Ma l’una o l’altra spiegazione è comunque grave».

Nei giorni scorsi a intervenire era stata un’altra realtà comunale, Gazzetta dj, ma sul tema delle piste ciclabili e dei relativi contributi regionali ai vari comuni. Il potenziamento delle infrastrutture per le due ruote e per la mobilità green non toccherà però il Comune di Ostra Vetere e anche in questo caso è venuta fuori la polemica politica. 

«Risulta che la Regione Marche, per il tramite dell’assessore regionale Baldelli, ha reso noto di aver annunciato stanziamenti per il potenziamento della rete regionale ciclabile. Ma è per i Comuni di Cingoli, Castelbellino, Fabriano, Maiolati Spontini, Sassoferrato, Arcevia, Genga, Cerreto d’Esi e Serra San Quirico. Purtroppo Ostra Vetere non c’è. Chissà com’è. Forse siamo da meno degli altri? O forse l’amministrazione comunale non ha nemmeno presentato richiesta di finanziamento? Chissà. Certo sarebbe stato bello pensare a una ciclovia anche da noi, soprattutto tenendo conto delle condizioni in cui sono ridotte le nostre strade. Ma se finisce come con la segnaletica stradale di cui ci siamo occupati anni fa appare purtroppo inutile chiedere informazioni all’assessore comunale competente. Tanto ultimamente nemmeno risponde».