Centro Pagina - cronaca e attualità

Senigallia

Show, concerti, mostre, fiere, eventi: nuova stagione turistica a Senigallia

Presentata in commissione turismo la strategia dell'amministrazione comunale che punta sulle associazioni e compagnie locali. Oltre 50 iniziative saranno ospitate in piazza Garibaldi e nel giardino della scuola Pascoli per le norme anti covid. Confermate la fiera campionaria e la fiera di Sant’Agostino

La seduta della V commissione di Senigallia sul turismo: commissari distanziati per le norme anti covid
La seduta della V commissione di Senigallia sul turismo: commissari distanziati per le norme anti covid

SENIGALLIA – La spiaggia di velluto prova a ripartire a livello culturale e turistico. Lo farà con mostre, spettacoli ed eventi a carattere locale per risollevarsi dalla crisi economica che sta seguendo quella sanitaria, ormai sotto controllo. Solo una stretta collaborazione con le associazioni del territorio ha permesso all’amministrazione comunale di Senigallia di stilare un calendario all’altezza di una stagione con grandi defezioni, quali quelle di CaterRaduno, Summer Jamboree, X Masters.

Almeno una cinquantina gli eventi per due mesi e mezzo di stagione turistica che si terranno solo in piazza Garibaldi e nel giardino della scuola Pascoli, in modo da tenere sotto controllo anche tutta la questione delle norme anti coronavirus e dei piani di sicurezza da allestire per legge. Ad annunciarle in V Commissione è stata l’assessore alla cultura e all’istruzione Simonetta Bucari.

Tra le iniziative ci saranno gli spettacoli teatrali con le compagnie amatoriali e dialettali cittadine, una grande mostra sul rinascimento marchigiano con le opere provenienti dalle zone terremotate, un evento sulla liberazione di Senigallia (4 agosto 1944) al museo della mezzadria che seguirà quella su Giacomelli riaperta da alcuni giorni e già a quota 350 visitatori. A questo si dovranno aggiungere i concerti della stagione sinfonica e concertistica inizialmente rimandati e le proiezioni con il cinema all’aperto all’arena Gabbiano (circa 200/250 i posti disponibili sui 400 totali). Proprio su questo punto, Bucari ha voluto rimarcare la scelta di non aver predisposto un cinema gratuito all’aperto per non far concorrenza a una realtà come il Gabbiano che opera con professionalità da 25 anni e che si trova ancora chiuso per le difficoltà post covid. Proposta avanzata dalla lista AmoSenigallia e ampiamente contestata anche sui social. Tornando alla cultura, verranno anche riaperti i vari musei e i luoghi della storia di Senigallia, al momento chiusi come l’area archeologica La Fenice, dopo una fase di studio per il rispetto delle norme anti covid. 

Un turismo di prossimità dunque senza rinunciare né alla qualità degli eventi con nomi di grande calibro ma anche con tipologie finora mai valorizzate, come i momenti musicali di jazz. Non mancheranno i momenti fieristici e le sagre, per cui rimangono confermate la fiera campionaria e la fiera di Sant’Agostino, ormai tradizionali appuntamenti dell’estate senigalliese.

Dall’opposizione sono intervenuti Luigi Rebecchini (Unione Civica), ex assessore alla cultura nella giunta Angeloni bis fino al 2008, per sottolineare l’opportunità di una sinergia con il comune di Urbino per il 500° anniversario della morte di Raffaello. Un asset strategico per portare turisti dalla città della galleria nazionale delle Marche alla spiaggia di velluto dove ancora si registrano numerosi alberghi chiusi. Io cercherò, qualora il centrodestra vincesse le elezioni, di creare un’unità strategica con Urbino, come avvenuto in passato – ha detto Rebecchini – e di proporre il nome di Vittorio Sgarbi come assessore alla cultura come ad Urbino, sarebbe un binomio vincente.
L’assessore Bucari ha replicato poi che già ci sono stati contatti con i reponsabili urbinati per portare a Senigallia un evento espositivo di rilievo legato proprio a Raffaello, poi rimandato a causa del covid-19.

Da Senigallia Bene Comune, Giorgio Sartini ha proposto la strada dei gemellaggi con l’estero e le partnership con gli organizzatori degli eventi dell’entroterra per recuperare il terreno perso quest’estate. Una serie di eventi piccoli rispetto a quelli persi che potrebbero essere finanziati proprio con i fondi risparmiati dall’annullamento di CaterRaduno, Summer Jamboree, X Masters.

Entro i prossimi giorni – se non il weekend, l’inizio della prossima settimana – verrà resa nota e distribuita la tradizionale brochure degli eventi, la guida turistica che l’amministrazione predispone ogni anno con il calendario delle iniziative organizzate dalle varie realtà locali.