Centro Pagina - cronaca e attualità

Senigallia

Serra de’ Conti, presto una relazione sulle mura del paese

Dopo la segnalazione del gruppo consiliare Serra Migliore, il vicesindaco e assessore Baldelli rassicura: «Fessure presenti da anni che non hanno mai destato preoccupazione»

Crepe sulle storiche mura del paese a Serra de' Conti
Crepe sulle storiche mura del paese a Serra de' Conti

SERRA DE’ CONTI – L’amministrazione comunale ha dato mandato all’ufficio tecnico di effettuare un’analisi dello stato delle mura del paese e di verificare la situazione di crepe o fessure per valutare eventuali rischi di distacchi, che al momento non sembrerebbero esserci. È quanto annuncia il vicesindaco e assessore di Serra de’ Conti, Pieramelio Baldelli.

Nei giorni scorsi era intervenuto il gruppo consiliare di minoranza Serra Migliore per segnalare, con una lettera e alcune foto, la preoccupazione dei cittadini circa alcune crepe vistose che si sono create nel tempo. Una segnalazione accorata nata dagli stessi cittadini dopo quanto accaduto a Corinaldo, dove una porzione di mura urbiche è crollata a seguito di un progressivo distacco dal terreno, anche a causa delle recenti infiltrazioni.
La stessa opposizione ha poi chiesto alla giunta Perticaroli di attivarsi per «un controllo preventivo» sulle mura del paese per evitare «situazioni pericolose per l’incolumità dei cittadini».

A rispondere al referente di Serra Migliore Enrico Sbaffi è l’assessore Baldelli che riferisce di una «manutenzione annuale» incentrata sul verde e sulla rimozione delle erbacce che crescono tra i mattoni dello storico manufatto, ma anche di un’attenzione costante circa lo stato delle mura del paese. «Quelle fessure saranno lì da circa una ventina di anni – afferma – e non hanno mai destato preoccupazione. La normale manutenzione viene effettuata sempre, mentre in passato – tra gli anni ‘80 e ‘90 – si sono realizzati vari interventi per risistemare la cinta muraria di Serra de’ Conti». A tal proposito Baldelli ha citato il consolidamento del tratto a ridosso del parcheggio di via Primo Maggio e il rifacimento di altre porzioni. «Le situazioni più critiche sono già state sanate in passato, ora non c’è da preoccuparsi» rassicura Baldelli.

Uno studio analitico, però, delle singole fessure e crepe che si sono create negli ultimi anni non esiste: per questo motivo è stato dato mandato all’ufficio tecnico comunale di predisporre una relazione che possa spazzare via tutti i dubbi e le lecite preoccupazioni di cittadini e consiglieri.