Centro Pagina - cronaca e attualità

Senigallia

A Serra de’ Conti il progetto europeo di danza inclusiva – VIDEO

La danzatrice e coreografa Monia Mattioli si rivolge a persone con o senza disabilità psichiche, fisiche e intellettive per un percorso di armonia del movimento. «Per creare l'abilità di comunicare attraverso il corpo»

Danzatrici alla scuola Mi La Danse di Serra de' Conti

SERRA DE’ CONTI – Nella Giornata Internazionale della Danza vogliamo guardare a chi ha saputo tradurre questa disciplina in un linguaggio universale, che passa prima dal cuore poi dai movimenti in un perfetto equilibrio di armonia e gestualità.

Monia Mattioli coreografa e danzatrice

Siamo alla scuola “Mi la danse” di Serra de’ Conti dove la danzatrice e coreografa Monia Mattioli, direttrice artistica dell’associazione Ijshaamanka, racconta il senso del teatro danza inclusiva, rivolto a persone con diverse abilità psichiche, fisiche e sensoriali al centro di un interessante progetto europeo che coniuga ricerca e innovazione metodologica attraverso la danza contemporanea, il teatro e le arti visuali. L’obiettivo è quello di un cambiamento culturale del nostro Paese e dell’Europa, in cui la danza sia basata sull’accessibilità e l’armonia psicofisica piuttosto che sull’abilità.

«Il teatro danza inclusivo e integrato è una metodologia che in Europa di sta sviluppando da diversi anni – spiega – ed è un processo educativo attraverso la danza che prevede non la finalità terapeutica ma l’accessibilità da parte di tutti, quindi persone con o senza disfunzionalità fisiche, psichiche e sensoriali proprio a quello che è il percorso del movimento della danza. Si vogliono creare abilità di comunicare attraverso il corpo. La danza per me è una delle arti più preziose che ci sono».

Il progetto europeo “Dan.the.net” di cui Monia Mattioli con l’associazione Pergolese Ijshaamanka è pioniera, converge nell’Alter-Art, il Festival dei giovani e organizzato dai giovani, su arte teatro e danza contemporanei per l’inclusione, l’innovazione e la sostenibilità dell’ambiente. Con il Contributo della Comunità Europea e del Comune di Pergola, il festival si svolgerà dall’8 all’11 luglio.

«Vogliamo condividere con la comunità tutta gli avanzamenti della ricerca e studi sul teatro danza inclusione – conclude –  abbiamo coinvolto quattro istituti superiori cittadini per parlare e rivolgerci soprattutto ai giovani».