Centro Pagina - cronaca e attualità

Senigallia

Senigallia vuole aderire al Patto per la scienza ideato da Burioni e Silvestri

Il consiglio comunale discuterà il 14 febbraio l'adesione formale alla proposta dei due medici marchigiani, il nuovo regolamento di contabilità, debiti fuori bilancio e la variante Smart 2018

Il municipio di Senigallia in piazza Roma
Il municipio di Senigallia in piazza Roma

SENIGALLIA – Anche la spiaggia di velluto vuole aderire al patto per la scienza proposto dai due medici marchigiani Guido Silvestri e Roberto Burioni a tutti i partiti ed esponenti politici d’Italia. Un atto che mette al centro la ricerca scientifica contro le pseudoscienze e le tesi antivacciniste e che è stato proposto a varie personalità, anche molto distanti tra loro come Beppe Grillo e Matteo Renzi, raccogliendo tantissime adesioni.

Il consiglio comunale che si riunirà giovedì 14 febbraio, alle ore 15:30, discuterà quindi la mozione presentata dal sindaco Maurizio Mangialardi e dai consiglieri Mauro Gregorini (Art.1-Mdp), Nausicaa Fileri (La Città Futura ), Maurizio Perini (Progetto in Comune), Adriano Brucchini (Vivi Senigallia), Vilma Profili (Obiettivo Comune ) e Luca Santarelli (Partito Democratico ).

La mozione impegna sindaco e giunta senigalliesi alla formale adesione al patto per la scienza ideato dal medico virologo pesarese Roberto Burioni e dal collega immunologo Guido Silvestri, senigalliese da tempo docente alla Emory University School of Medicine di Atlanta (Usa). Adesione che non dovrà rimanere solo sulla carta ma che si dovrà tradurre nel rispetto dei contenuti del patto per la scienza e nell’impegno a promuovere una cultura e un approccio scientifico per quanto di competenza comunale.

Nella stessa seduta del consiglio comunale di domani, 14 febbraio, i consiglieri dovranno anche approvare due variazioni di bilancio dovute a due sentenze sfavorevoli all’ente senigalliese. Una riguarda il rigetto del ricorso presentato in Corte di Cassazione contro la sentenza n.734/2014 della Corte di Appello di Ancona, con cui si condanna (ordinanza n. 32391/2018) il Comune di Senigallia a rifondere a due cittadini circa 4200 euro.
Il secondo debito fuori bilancio da riconoscere è conseguente alla condanna del Giudice di Pace di Senigallia (sentenza n. 130/2018) per l’ente comunale che risarcire con quasi 4mila euro una cittadina scivolata a causa di una sostanza collosa rimasta a terra in prossimità di un impianto di pubbliche affissioni. Il Comune di Senigallia – che ha affidato il servizio alla Cooperativa PRO.GE.I.L. S.c.p.a. di Senigallia – ha già reso noto di aver richiesto la refusione dell’intero importo di condanna.

Il Consiglio comunale di Senigallia tornerà a riunirsi non solo per il patto per la scienza, ma anche per l’approvazione del nuovo Regolamento di contabilità del Comune di Senigallia e per l’adozione definitiva della variante al Piano regolatore generale denominata “Smart 2018”.

Lavori in diretta streaming sulla piattaforma digitale senigallia.halleymedia.com.