A Senigallia serve il giusto equilibrio tra verde e parcheggi

Il verde per essere ospitale e vivibile, i parcheggi per essere accogliente e dare le condizioni a turisti e residenti di vivere la città. Ecco le direzioni entro cui l'amministrazione si deve muovere secondo il presidente Confcommercio Senigallia

Giacomo Bramucci
Giacomo Bramucci

SENIGALLIA – Il giusto equilibrio tra verde urbano e aree parcheggi è quello che serve alla città per potersi sviluppare. Questo è quanto afferma Giacomo Bramucci, presidente della delegazione di Senigallia Confcommercio Marche Centrali, intervenendo in merito alla pineta abbattuta in viale Bonopera per realizzare posti auto.

Per essere accogliente, Senigallia deve avere parcheggi ma, alla stessa maniera deve avere aree verdi curate e mantenute per essere vivibile. Il taglio degli alberi, che secondo il rappresentante Confcommercio è di per sé spiacevole, non deve essere criticato a priori ma deve essere valutato attentamente in base alle prospettive per la città.

Se poi non dovessero essere ripiantati gli alberi abbattuti né sostituiti con altre essenze, allora sì che potrà partire la protesta.
«Se i parcheggi non venissero realizzati o non fossero funzionali alla città – continua Bramucci – allora potremmo giudicare questa amministrazione. Fino ad allora ci troveremo solo di fronte ad una scelta difficile che è stata presa nell’ambito di un progetto più ampio e tenendo conto di molteplici interessi in gioco».

Un po’ come gli aumenti della Tari, spiega concludendo il presidente senigalliese di Confcommercio, quando l’amministrazione comunale è dovuta correre ai ripari impegnandosi con un fondo per le fasce deboli e promettendo di porre rimedio ridefinendo le logiche del servizio per «riportare la tassazione ai livelli degli anni passati: sarà solo allora, nel momento in cui questi impegni verranno onorati, che potremmo considerare la nostre aspettative rispettate o disattese».