Centro Pagina - cronaca e attualità

Senigallia

Senigallia, in piazza si balla per dire “No alla Violenza”

Il flash mob che si è concluso poco fa in piazza Roma ha raccolto tantissime adesioni. Giovani e meno giovani armate di cartelli hanno ballato per dire no alla violenza sulle donne

Flash mob contro la violenza sulle donne
Flash mob contro la violenza sulle donne

 SENGIALLIA- “No alla violenza sulle donne“, la spiaggia di velluto lo grida ballando. Successo per il flash mob terminato poco fa in piazza Roma con la collaborazione di Giulia Mattioli, che ha guidato a passi di Zumba, un folto gruppo di donne a dire “No alla Violenza”.

«Occorre informare, sensibilizzare e formare sia sulla fenomenologia della violenza di genere che sull’intervento. L’emersione del problema è l’obbiettivo di questo evento così rumoroso, lo dobbiamo a tutte le donne che subiscono violenza» – ha spiegato il sindaco Maurizio Mangialardi, presente all’iniziativa insieme al vice sindaco Maurizio Memè –

Ad aprire la manifestazione, la coreografia della palestra “I Love Fitness” seguita da tutte le associazioni femminili del territorio. «Passare da essere rete a mettersi in rete, facciamo sentire forte il nostro no – ha spiegato Ilaria Ramazzotti, assessore alle Pari Opportunità – Grazie alle realtà del territorio che hanno partecipato e che svolgono un ruolo così importante accanto alle donne».

Molte le persone che si sono fermate ad osservare il gruppo di donne vestite in nero che hanno voluto manifestare. Tra le tante iniziative in programma ieri e oggi in città, anche l’illuminazione di arancione di Porta Lambertina. «Quello della violenza è un argomento su cui va fatto un grande lavoro di sensibilizzazione – ha concluso il sindaco – Abbiamo fortemente voluto che nella nostra città fossero organizzate importanti iniziative come questa, che ha coinvolto anche tantissimi giovani. È un piacere vedere che il nostro sforzo è arrivato a tantissime persone che oggi sono qui, come me, come il vicesindaco, per dire “No alla violenza, No alla violenza sulle donne”».