Mense scolastiche, 423 famiglie in debito

Il debito totale delle scuole di Senigallia ammonta a 33mila euro. 96 le famiglie che hanno un debito superiore ai 150 euro. Mangialardi: «I pasti vengono somministrati anche ai figli dei genitori morosi perché riteniamo ingiusto creare disparità tra i bambini, che hanno il diritto di sentirsi tutti uguali»

Mense

SENIGALLIA- Il servizio di refezione scolastica ha un saldo negativo di 33mila euro. Sono 423 le famiglie che non hanno provveduto a pagare regolarmente la mensa dei propri figli. Di queste, 96 hanno un debito superiore a 150 euro, mentre tra le 337 restanti alcune hanno un debito di qualche decina di euro.

«Nelle nostre scuole i pasti vengono somministrati anche ai figli dei genitori morosi – precisa il sindaco Maurizio Mangialardi – perché riteniamo un’ingiustizia inaccettabile penalizzare o creare disparità tra i bambini, che hanno il diritto di sentirsi tutti uguali».

Le famiglie vengono raggiunte ed avvisate ed invitate a saldare il debito con un sms, poi, al termine dell’anno scolastico, viene inviata una raccomandata con l’ammontare del debito totale. Se tale debito non sarà sanato, il Comune avvierà l’iter per il recupero coatto delle somme dovute attraverso l’Agenzia delle Entrate.

Nell’anno scolastico 2015/2016, la somma totale messa a ruolo è stata di 28mila 638,48 euro, mentre per il 2016/2017 la cifra è stata di 32mila 689,18 euro. Per l’anno scolastico 2017/2018 la somma è ha già raggiunto i 24mila 390,11 a cui dovrà essere aggiunto il debito quelli della seconda parte dell’anno.