Via Cellini, viale Bonopera e la zona stadio: ecco la mappa dei “nuovi” parcheggi di qui a un anno

Tre gli interventi che porteranno quasi 350 posti auto in più a Senigallia oltre alla riqualificazione di varie aree della città importanti ma non valorizzate finora

La presentazione dei nuovi parcheggi in via Cellini a Senigallia
La presentazione dei nuovi parcheggi in via Cellini a Senigallia

SENIGALLIA – Un nuovo parcheggio verrà realizzato in via Cellini a ridosso di ospedale, casa protetta per anziani, scuola e seminario. Altri due parcheggi verranno ridisegnati e migliorati in zona stadio e zona stazione ferroviaria per completare una specie di cerchio attorno al centro storico della spiaggia di velluto.

È quanto hanno presentato in conferenza stampa il sindaco Maurizio Mangialardi assieme agli assessori alla pianificazione urbanistica Maurizio Memè e alla manutenzione del territorio Enzo Monachesi. Parcheggi che «rappresentano una risposta alla necessità di ampliare l’offerta di posti auto in prossimità del centro storico, anche a fronte della crescita di turisti e visitatori registrata negli ultimi anni», oltre che a fronte della dismissione di alcuni posti auto in zone strategiche della città come piazza Garibaldi.

Ma non si tratta solo di realizzare parcheggi (che saranno tutti a pagamento e sono già al centro di alcune critiche), ma di riqualificare aree cittadine importanti e non valorizzate strategicamente, come appunto via Cellini, l’area dello stadio comunale G.Bianchelli e la zona tra la stazione ferroviaria e via Poerio, al centro delle critiche per l’abbattimento di varie piante, di cui molte malate.

Questo è lo scopo “collaterale” dichiarato dai componenti della giunta comunale, soddisfatti dell’avvio rapido del cantiere sulla collina di via Cellini, dove la ditta SenParkTeck s.r.l. realizzerà una struttura su tre livelli – i primi due seminterrati e coperti, il terzo scoperto – per un totale di circa 300 posti auto. L’intervento si completerà con la piantumazione e collocazione di fiori su tutta la collina che dal seminario vescovile guarda verso la città di Senigallia, mascherando così il maxi parcheggio; con la realizzazione di un percorso pedonale che collegherà la struttura con la casa protetta (ex Irab gestita dalla Fondazione Città di Senigallia) e con l’ospedale civile; e soprattutto con la realizzazione della rotatoria che permetterà di regolare meglio l’incrocio con via Monteverdi e il rifacimento dell’asfalto nella via stessa.
Mascheramento, dicevamo, reso necessario anche per mitigare l’impatto ambientale e visivo: la struttura su tre piani sarà modulare a graticcio, con finitura in acciaio corten, che collegherà il lungo muro di sostegno in cemento esistente con quella prefabbricata del parcheggio. Le tariffe saranno stabilite dalla ditta in convenzione con il Comune di Senigallia e saranno quasi sicuramente in linea con quelle predisposte dall’amministrazione con l’ultimo ritocco entrato in vigore a gennaio 2018.
Per quanto riguarda i tempi di realizzazione, ancora non definiti con precisione, si parla di un anno.

Sarà molto più veloce invece l’intervento in zona stadio Bianchelli: con l’apertura in queste ore delle buste per la gara pubblica, la realizzazione dei lavori è prevista tra i mesi di aprile e giugno. Si tratta di un intervento che andrà innanzitutto a completare quanto già realizzato nel 2015, realizzando nuovi stalli di sosta in aggiunta a quelli già esistenti con l’abbattimento del casotto attualmente presente in via Campo Boario tra il vecchio palazzetto dello sport e il poliambulatorio. Oltre al recupero di alcuni stalli, nell’area è prevista la manutenzione ordinaria delle strade limitrofe e di alcuni tratti di marciapiedi, nonché del parcheggio situato tra lo stadio e il liceo classico “Perticari”. Verrà interessata dall’intervento anche via Montenero, fortemente usurata anche a causa del ripristino dei sottoservizi.

Si parla invece degli ultimi mesi dell’anno per l’avvio dei lavori in zona stazione ferroviaria, dove verrà risistemata l’area di proprietà di Rete Ferroviaria Italiana adibita a parcheggi tra viale Bonopera e via Poerio. L’area, al centro delle critiche per l’abbattimento dei pini, subirà una riqualificazione a opera di Rfi per ottenere altri 24 posti auto rispetto ai 27 già esistenti ma senza struttura di fast park. Il progetto è stato accantonato dopo che Rfi ha comunicato il reperimento delle risorse per il restyling dell’area. Dei 51 posti auto totali, tre saranno adibiti alla ricarica dei veicoli elettrici. L’intervento si completerà entro la fine del 2018 con un percorso ciclopedonale (che attraverserà l’area fino al raccordo con il centro storico tramite via Perilli) e con il rifacimento del marciapiede lato monte di viale Bonopera. Gli alberi abbattuti saranno quindi sostituiti con altre essenze arboree che potranno così mitigare l’impatto ambientale.