Senigallia, la Madonnina del Pescatore compie 35 anni

Ricerca del gusto, passione e tanto lavoro sono gli ingredienti dello chef stellato Moreno Cedroni. Ecco il piatto più emozionante del mondo

Moreno Cedroni
Moreno Cedroni

SENIGALLIA – Trentacinque anni fa apriva a Senigallia uno dei locali più di successo dell’intero panorama culinario nazionale, la Madonnina del Pescatore. Tutto grazie alla creatività e al duro lavoro di Moreno Cedroni, oggi chef pluripremiato e riconosciuto in tutto il mondo, ieri appena un ventenne che dava il via alla sua più grande avventura.

C’è tanto lavoro, tanta passione, tanta ricerca dietro queste tre parole che oggi sono sinonimo di avanguardia in cucina, di rielaborazione delle tradizioni, di stelle Michelin e forchette del Gambero Rosso. Eppure quando ha iniziato, neppure lui sapeva dove sarebbe arrivato.

I successi non hanno tardato alcun appuntamento: dopo aver aperto nell’aprile 1984, nel 1996 arriva la prima stella Michelin, nel 1999 il sole di Veronelli, nel 2000 le tre forchette del Gambero Rosso, nel 2006 la seconda stella Michelin. E poi le innumerevoli recensioni sulle maggiori testate nazionali e internazionali, tanto che, nel 2012 The wall street journal inserisce la Madonnina del Pescatore tra i migliori 10 ristoranti di pesce d’Europa. Sempre con la moglie Mariella Organi al suo fianco, presente in sala con quella raffinatezza che è indispensabile per un successo a tutto tondo.

La "Madonnina del Pescatore" di Moreno Cedroni compie 35 anni
La “Madonnina del Pescatore” di Moreno Cedroni compie 35 anni

Oggi sul profilo Instagram – un grande chef è oggi anche un grande comunicatore – ha voluto celebrare il compleanno della Madonnina del Pescatore con un post in cui spiega che in 35 anni si sono susseguite tante storie per scrivere quel racconto prodotto da avventure e contaminazioni artistiche, confronto, ricerca, passione e tanto lavoro. In 35 anni, non ha mai cambiato idea: «Il piatto più sconvolgente ed emozionante del mondo è quello dove tutti i quattro elementi gustativi sono presenti e bilanciati allo stesso tempo, cosicché tutte le papille gustative siano eccitate. Grazie a tutte le persone che in questi anni hanno fatto parte della vita della Madonnina del Pescatore».

LEGGI L’INTERVISTA