Centro Pagina - cronaca e attualità

Senigallia

Senigallia: due incontri su sanità e ospedale tra tagli, privatizzazioni e riforme

Giovedì 17 maggio l'iniziativa per discutere della legge 145 sulla privatizzazione dei servizi sanitari; venerdì 18 il dibattito sul futuro del nosocomio cittadino

L'ospedale di Senigallia
L'ospedale di Senigallia

SENIGALLIA – Doppio incontro sulla sanità. A organizzare il primo è il Forum per la sanità pubblica della provincia di Ancona che si riunirà giovedì 17 maggio, mentre il secondo si terrà la sera successiva grazie all’iniziativa del Comitato a Difesa dell’Ospedale di Senigallia e del Diritto alla Sanità, dell’associazione Energie per Senigallia e dell’Unione Nazionale Consumatori.

Diversi gli aspetti su cui si concentreranno i vari relatori. L’incontro di giovedì 17 – alle 21 al centro sociale delle Saline di Senigallia, in via dei Gerani – verterà sulla legge regionale 145 e sulla “sperimentazione gestionale” nella sanità che apre al privato. Sperimentazione che ha già incontrato numerose critiche. Vari soggetti della cosiddetta società civile si sono impegnati in difesa del diritto alla salute: comitati, associazioni, forum, si sono mobilitati già lo scorso marzo, costringendo la giunta regionale delle Marche a un passo indietro.

Le politiche di privatizzazione nell’ambito sanitario però non sono state cancellate ma solo edulcorate secondo gli esponenti del Forum per la sanità pubblica della provincia di Ancona: «Diciamo chiaramente che gli emendamenti che sono stati ventilati non possono essere accettati. Siamo contrari a qualunque presunto “contentino”. Questa legge va respinta in toto, perché contraria alle reali esigenze dei cittadini. Come Forum abbiamo contribuito a creare una “Rete regionale” che si è già riunita a Senigallia, dove si ripeterà l’incontro sabato 19 maggio. Riteniamo che sia compito delle varie realtà territoriali far conoscere la 145 e le ragioni per le quali crediamo non debba essere approvata».

sanità, medicina, dottoriAl dibattito sulla legge regionale 145 di giovedì 17 maggio interverranno Rosaria Diamantini (Forum per la sanità pubblica della provincia di Ancona ed esponente di “Potere al popolo”) e Stefano Tenenti (rappresentante dell’Unione Sindacale di Base di Ancona).

Esattamente 24 ore dopo si terrà nella sala consiliare di Senigallia il secondo incontro sulla sanità. L’iniziativa, promossa da Unione Nazionale Consumatori – Marche, dal Comitato a Difesa dell’Ospedale di Senigallia e del Diritto alla Sanità e dall’associazione Energie per Senigallia, è organizzata per venerdì 18 maggio, alle ore 21, quando si parlerà delle problematiche dell’ospedale di Senigallia.

Da sinistra: Corrado Canafoglia (Unione nazionale consumatori), Serenella Curzi (comitato a difesa dell'ospedale e diritto sanità), Massimo Bello (Energie per Senigallia)
Da sinistra: Corrado Canafoglia (Unione nazionale consumatori), Serenella Curzi (comitato a difesa dell’ospedale e diritto sanità), Massimo Bello (Energie per Senigallia)

Relatori dell’incontro saranno: Maurizio Bevilacqua, direttore dell’Area Vasta 2 dell’Azienda Sanitaria Unica Regionale (Asur Marche); Corrado Canafoglia, responsabile nazionale dell’ufficio legale dell’Unione Nazionale Consumatori; Carlo Massacci, medico cardiologo e membro del Tribunale dei diritti del Malato; Umberto Solazzi, presidente del Tribunale dei Diritti del Malato di Senigallia; Elena Leonardi, vicepresidente della commissione sanità dell’Assemblea Legislativa regionale.

Incontro a più voci dunque per discutere della reale situazione dell’ospedale di Senigallia, del suo paventato depotenziamento e delle prospettive future per Senigallia e tutta la sua vallata, in un contesto di crisi economica generalizzata, di continui tagli alla spesa pubblica, in cui ammontano a circa 11 milioni gli italiani che rinunciano a curarsi per problemi economici.