Centro Pagina - cronaca e attualità

Senigallia

Senigallia, nuovo consigliere straniero aggiunto in consiglio

Ad Alam Mohammad Shafiual, decaduto dalla carica perché divenuto cittadino italiano, succede Mohamed Mraihi che ha incontrato il presidente dell'assise Dario Romano

Dario Romano e Mohamed Mraihi
Dario Romano e Mohamed Mraihi

SENIGALLIA – Primo colloquio istituzionale quello che il nuovo consigliere straniero aggiunto del Comune di Senigallia, Mohamed Mraihi, ha avuto con il presidente del Consiglio cittadino Dario Romano. Mraihi subentrerà nel prossimo consiglio comunale di dicembre ad Alam Mohammad Shafiual, da pochi giorni cittadino italiano e quindi automaticamente decaduto dalla carica.

Per i consiglieri stranieri aggiunti vige infatti un elenco come per gli altri membri del consiglio, per cui il primo dei non eletti succede a chi decade o rinuncia all’incarico.

«Stamattina ho avuto modo di incontrare Mohamed Mraihi. A lui – spiega il presidente dell’assise senigalliese – va il mio augurio di buon lavoro per questo nuovo incarico elettivo che inizierà con il consiglio di dicembre, tra circa un mese. Abbiamo intanto parlato dell’attività consiliare e del ruolo del consigliere straniero aggiunto».

Pur non potendo votare, infatti, il consigliere straniero aggiunto può portare all’attenzione dell’amministrazione comunale delle tematiche importanti e di interesse generale, soprattutto per le comunità straniere che a Senigallia hanno trovato terreno fertile nel dibattito pubblico, anche attraverso la consulta comunale dei migranti.