Centro Pagina - cronaca e attualità

Senigallia

Senigallia, botta e risposta FdI – Fi sulle parole del vicesindaco Pizzi

Liverani: «Rebecchini solita spina nel fianco che si diverte a fare il “bastian contrario” su tutto». La replica: «Offende di fatto la mia persona pur di non riconoscere il serio problema da me sollevato»

Riccardo Pizzi
Riccardo Pizzi

SENIGALLIA – Dopo tante voci critiche dall’opposizione e dopo la “non condivisione” da parte del sindaco Olivetti, Fratelli d’Italia si schiera a favore del vicesindaco Pizzi, reo di aver condiviso sui social un posto in cui si equipara il covid a un’influenza. La bufera che si è scatenata sul delegato all’istruzione, cultura e sport non accenna a placarsi e mentre la minoranza presenta un ordine del giorno, Marcello Liverani (FdI) lo difende apertamente.

«Il vicesindaco e assessore Riccardo Pizzi ha la totale stima di Fratelli d’Italia e lo invitiamo a continuare a lavorare serenamente, come già sta facendo, e senza dare ascolto e peso all’infantilismo politico delle opposizioni. Tutte! A noi interessa il suo operato verso la città e i cittadini, e non ci interessa sapere se la sera, a cena, mangia la minestrina o una carbonara!», riferendosi alle parole che l’esponente della lista La Civica dice di condividere punto per punto.

Il post condiviso dal vicesindaco Pizzi su covid e contagi
Il post condiviso dal vicesindaco di Senigallia Riccardo Pizzi su covid e contagi

Liverani poi risponde all’altro esponente di maggioranza, Luigi Rebecchini (Forza Italia-Civici per Senigallia) che da giorni sta pungolando l’amministrazione Olivetti perché prenda posizione netta contro le affermazioni condivise dal vicesindaco Pizzi fino a rimuoverlo dall’incarico in giunta. «Non c’è nessuna fibrillazione in maggioranza – continuano da FdI – al massimo ci sta la solita “spina nel fianco” che è il consigliere Rebecchini, di Forza Italia, che si diverte a fare il “bastian contrario” su tutto, spinto anche da fattori “esterni” stucchevoli! Il resto della maggioranza è compatta e lavora serenamente e senza ansie».

Marcello Liverani
Marcello Liverani

Liverani passa poi a criticare l’opposizione che non avrebbe ancora «digerito la sconfitta del 5 ottobre, non è in grado di fare un’opposizione seria e costruttiva perché politicamente non ne sono in grado, brancolano nel buio, annaspano, e per cercare di rimanere a galla e andare sulla stampa, usano tutte le cretinate possibili, anche i post che uno scrive sui social sul proprio profilo».

Pronta la replica di Rebecchini che ribadisce la gravità di quanto espresso dal vicesindaco Pizzi: «L’intervento del solito Liverani, che non rappresenta e non può rappresentare l’intera maggioranza, mi pare sia del tutto improvvida e mi preoccupa perché la sua “uscita” non depone per un sano cambiamento. La posizione del sottoscritto, e di Forza Italia a livello locale e nazionale, sulla pandemia in atto è assai chiara e non ammette minimizzazioni dell’enorme gravità che il covid-19 sta arrecando (e che non è “un’influenza” come invece appare al nostro vicesindaco Pizzi) a livello della salute ed a livello economico. Massima allerta – prosegue Luigi Rebecchini – sul piano sanitario e nel contempo distanza dai confusi e spesso inefficaci provvedimenti del governo sull’economia e che stanno portando alla chiusura di tante attività economiche e produttive». 

Luigi Rebecchini
Luigi Rebecchini

«Quello che poi dice il consigliere Liverani nei miei confronti è bene che si chiarisca e Liverani spieghi quali sono le “forze esterne” che mi indurrebbero ad agire sul tema, offendendo di fatto la mia persona pur di non riconoscere il serio problema da me sollevato. In politica, o meglio nella cattiva politica, pur di non riconoscere la bontà di una certa posizione spesso si ricorre a denigrare chi la esprime per ridurne la validità. Caro Liverani – conclude il capogruppo di Forza Italia-Civici per Senigallia – è quello che hai fatto con il tuo scritto odierno, ma sappi che continuerò ad agire e ad usare la forza della ragione non certo per tornaconti personali o di parte ma sempre a servizio dei cittadini tutti».