Centro Pagina - cronaca e attualità

Senigallia

Senigallia Bene Comune lancia la sua campagna elettorale

L’associazione Sbc conta già una trentina di soci iscritti e tantissimi simpatizzanti tra i cittadini, dai quali provengono suggerimenti e stimoli alla base del programma

Giorgio Sartini
Giorgio Sartini

SENIGALLIA – Giorgio Sartini e gli altri componenti della lista Senigallia Bene Comune si presentano alla città in vista delle prossime elezioni amministrative di settembre. Con un programma nato per migliorare la situazione attuale della spiaggia di velluto, senza denigrare ciò che è stato fatto dalle precedenti amministrazioni, Sartini cita su tutti il tema del lavoro come centrale per affrontare il prossimo inverno quando si manifesteranno tutte le conseguenze della crisi sanitaria ed economica legata al coronavirus.

Intanto Senigallia Bene Comune si è strutturata in un’associazione politica: il percorso, iniziato 18 mesi fa, è stato completato attraverso un apposito statuto; l’associazione Sbc conta già una trentina di soci iscritti e tantissimi simpatizzanti tra i cittadini di Senigallia, dai quali provengono suggerimenti e stimoli alla base del programma elettorale.

«Un programma degno di questo nome – spiega il candidato a sindaco di Senigallia, Giorgio Sartini – non può essere una enunciazione di intenti, ma una sequenza di azioni precise da attuare, anche se con la dovuta elasticità, in un determinato spazio temporale. Il nostro programma, pur risultando molto innovativo, non cancellerà la situazione attuale, ma si inserirà gradualmente, dolcemente, ma al contempo, con determinazione nella nostra amministrazione».

«Il grande problema – continuano da Senigallia Bene Comune – è la situazione lavorativa. Situazione che non può più contare su realtà forti nemmeno nel settore dominante, quello turistico. Il nostro tessuto economico va aiutato a svilupparsi con ogni azione possibile, anche, se sarà indispensabile, dal punto di vista economico». La base di riferimento è il bilancio comunale che si aggira attorno ai 120 milioni di euro.

Tra i nuovi sostenitori della lista ci sono due partiti politici nazionali: il Popolo della Famiglia e Vox Italia, «a dimostrazione che Senigallia Bene Comune è una lista totalmente civica in cui ogni persona, qualunque sia la sua visione politica o religiosa, può entrare a farne parte per concorrere all’unico bene comune per la nostra polis».

Conferenza stampa presentazione lista Senigallia Bene Comune

Pubblicato da Senigallia Bene Comune su Sabato 20 giugno 2020