Centro Pagina - cronaca e attualità

Senigallia

Senigallia Bene Comune chiede un incontro col Prefetto

Giorgio Sartini, dopo dodici comunicazioni, e due solleciti, inviate alla Prefettura di Ancona attende ancora una risposta ed ha chiesto un confronto per discutere alcune problematiche che riguardano l'amministrazione comunale di Senigallia

Giorgio Sartini

SENIGALLIA- «Attendiamo risposte dal Prefetto». E domani in consiglio comunale si torna a parlare di trasparenza. Il consigliere di Senigallia Bene Comune, Giorgio Sartini ha richiesto un incontro con il Prefetto di Ancona dott. Antonio D’Acunto.

«In qualità di consigliere comunale ho segnalato all’attenzione del Prefetto di Ancona una serie di anomalie rilevate nell’ambito dell’amministrazione comunale di Senigallia – spiega Sartini –. Le segnalazioni sono state numerose e sono indicate nell’allegato elenco ma ad oggi purtroppo sono rimaste prive di riscontro per questo abbiamo inviato la richiesta di un’audizione al fine di affrontare la grave situazione che si è venuta a creare nella nostra città, anche alla luce delle recenti notizie giudiziarie».

La prima comunicazione è stata inviata il 19 giugno 2016 e riguarda le problematiche sul sottopasso di via Perilli. Altre due segnalazioni sono state inviate nel mese di luglio dello stesso anno, altre due il 1 agosto 2016 riguardano alcune scuole della città. Poi il 17 agosto e il 7 settembre, Senigallia Bene Comune ha inviato due segnalazioni riguardanti il porto di Senigallia. Il 2 febbraio 2017 Sartini chiede riscontro riguardo il fascicolo del Mef e quattro giorni dopo, un’altra segnalazione riguarda la mancata delibera di giunta in riferimento al progetto “Non comprare adotta”. L’ultima segnalazione è stata inviata il 14 luglio 2016 e riguarda la petizione disattesa dalla giunta in merito al collaudo dei ponti cittadini. Sono dodici in totale le segnalazioni più due solleciti.

In attesa che il Prefetto fissi un incontro, oggi in consiglio comunale Giorgio Sartini presenterà un’interrogazione riguardo alla diffida che l’associazione consumatori Acu Marche ha inviato al comune di Senigallia per la mancata erogazione della carta dei servizi: «Ancora una volta viene dimostrato che quella di Senigallia, non è un’amministrazione trasparente – ha concluso Sartini – Questo è quanto ripetiamo da tempo ed ora a darci ragione è anche Acu Marche».