Scuole e opere pubbliche, il punto della situazione a Ostra

Entro la fine del 2018 dovrebbero partire i lavori per la scuola media Menchetti e dell'infanzia Biancaneve. Ma nel piano triennale compaiono anche i lavori al cimitero e al palazzo comunale

I lavori di demolizione della palestra di via Europa a Ostra
I lavori di demolizione della palestra di via Europa a Ostra

OSTRA – L’amministrazione comunale di Ostra fa il punto sulle scuole cittadine, sul piano di edilizia scolastica, delle opere pubbliche e sullo stato di avanzamento delle procedure, comprese quelle dei contributi sovracomunali e dei lavori pubblici.

La direzione intrapresa è quella di reperire fondi statali e regionali attraverso bandi pubblici per poter procedere da un lato alla messa in sicurezza di alcuni edifici scolastici al centro di varie problematiche e delle critiche da parte dell’opposizione, che fino a pochi anni fa sedeva dall’altra parte del consiglio; dall’altro alla realizzazione – tra le varie opere pubbliche – di un nuovo plesso scolastico in posizione più consona all’utilizzo da parte di tutta la cittadinanza, specialmente di chi vive nelle frazioni.

Il piano di edilizia scolastica prevede infatti la concentrazione in tre poli di tutte le scuole: in via Europa si sta procedendo con la realizzazione della palestra, finanziata con un milione di euro di contributi pubblici, e vi si concentreranno la scuola secondaria di primo grado e la segreteria; in via Leopardi rimarranno la scuola dell’infanzia e l’asilo nido; nell’area ex fornace, in via S. Maria Apparve, dovrebbe infine sorgere la scuola primaria per tutto il territorio di Ostra e quella dell’infanzia a servizio delle frazioni.

Lavori e previsioni inseriti nel programma triennale delle opere pubbliche 2018/2020, approvato dalla giunta comunale lo scorso febbraio 2018. Nel documento sono stati previsti 2,1 milioni di euro per la messa in sicurezza con adeguamento sismico della scuola secondaria di primo grado A.Menchetti in viale Matteotti e 550mila per la messa in sicurezza con adeguamento sismico della scuola dell’infanzia Biancaneve in via Carducci (entrambe le somme da reperire con contributi ministeriali).

Nel piano delle opere pubbliche figurano anche 840mila euro di stanziamenti da bilancio per il cimitero cittadino, tra costruzione di nuove edicole funerarie (240mila), loculi e sala del commiato (600mila); 150mila euro di fondi comunali (con un contributo di CariVerona di 60mila euro) per il restauro e recupero del secondo piano del museo Città di Ostra/Biblioteca storica e archivio palazzo ex Conventuali da adibire a polo culturale.
Per quanto riguarda invece la messa in sicurezza del palazzo municipale in piazza dei Martiri saranno necessari circa 170mila euro da reperire tramite fondi sovracomunali.
Infine 150mila euro saranno impegnati per il completamento delle opere di urbanizzazione primaria della lottizzazione in via don Luigi Benni.

Uno sguardo alla tempistica: i lavori (totale di opere pubbliche per 3 milioni e 361 mila euro) dovrebbero partire tra il terzo e quarto trimestre 2018; la conclusione sarà per l’anno successivo. Imprevisti permettendo.