NikolaTesla Unplugged by Elica
NikolaTesla Unplugged by Elica
Centro Pagina - cronaca e attualità

Senigallia

Harley Davidson Route 76
Harley Davidson Route 76

Sanità, è caos in consiglio ma passa il documento

È stato votato nella tarda serata di ieri (5 settembre) il documento unico che sarà consegnato in Regione. Una presa di posizione da parte del consiglio comunale per salvare il nosocomio di Senigallia. Unico voto contrario quello del consigliere di Lega Nord

La seduta del Consiglio Comunale di Senigallia

SENIGALLIA- Sanità, il documento unico spacca la minoranza. Bagarre tra le consigliere del Movimento 5 Stelle e il sindaco.

È stato votato nella tarda serata di ieri, martedì 5 settembre, il documento unico sulla Sanità che sarà inviato alla Regione per dare un segnale forte da parte del consiglio comunale che, con questo documento chiede che venga mantenuta l’Utic e si schiera contro il depotenziamento dell’Ospedale cittadino.

«A quelli che raccolgono le firme rispondiamo con i fatti – ha spiegato il sindaco – A quelli che sono qui in consiglio oggi e tanti altri chiedo di rivederci tra sei mesi. Abbiamo lavorato e stiamo lavorando per salvare il nostro ospedale».

A schierarsi contro le parole del primo cittadino, la consigliera del Movimento 5 Stelle Elisabetta Palma: «Questo documento è aria fritta – spiega – Dopo la riunione tecnica è già stato tutto deciso, stiamo qui a parlare del nulla».

Maggioranza e Unione Civica unite a favore del documento: «È una seduta storica, l’amministrazione comunale si schiera per la prima volta contro la Regione per portare avanti la battaglia per salvare l’ospedale».

A sottolineare il comportamento del Movimento 5 Stelle è stato il consigliere di maggioranza Mauro Pierfederici: «Se non votate non siete migliori di altri, anzi, perdete un’occasione, quella di fare del bene per la vostra città – ha spiegato Pierfederici – Un documento si vota quando è giusto, indipendentemente dal partito che lo ha proposto».

A chiudere prima del voto sui 12 emendamenti è stato il sindaco Mangialardi: «In quella riunione di cui ha parlato la dottoressa Palma non è stato deciso nulla – spiega il sindaco – Chiedo di votare questo documento perché se siamo uniti assume un valore diverso. Mi associo a quanto detto sempre dal consigliere Paradisi, sì, sono pronto a fare le barricate con lei per salvare il nostro ospedale». Il documento è stato votato da tutti i consiglieri, Movimento 5 Stelle e Senigallia Bene Comune compresi. Unico voto contrario, quello del consigliere della Lega Nord Davide Da Ros.