Rogo a Marina di Montemarciano: il locale non era assicurato

Si cerca di fare chiarezza sulle cause dell'incendio che ha distrutto uno chalet: stanno indagando i Carabinieri che al momento non escludono alcuna ipotesi, né quella accidentale né quella dolosa

Il rogo che ha distrutto lo stabilimento balneare
Il rogo che ha distrutto lo stabilimento balneare "Chateau Chateur" a Marina di Montemarciano: Vigili del fuoco al lavoro per spegnere le fiamme

MONTEMARCIANO – Proseguono le indagini sull’incendio che ha coinvolto uno chalet a Marina di Montemarciano. L’episodio è avvenuto intorno alle ore 19 di ieri, giovedì 10 ottobre, quando le fiamme sono divampate in via Lungomare, distruggendo lo Chateau Chateur. Immediato l’intervento dei Vigili del fuoco e di due ambulanze per scongiurare che vi fossero persone coinvolte nel rogo, ma anche dei Carabinieri che conducono le indagini e della Polizia a supporto.

Proprio sulle cause che hanno innescato le fiamme si stanno concentrando i militari della Compagnia di Senigallia, comandata dal capitano Francesca Romana Ruberto. Questa mattina, come annunciato, è stato svolto un sopralluogo da parte di Carabinieri e Vigili del fuoco, alla ricerca di eventuali inneschi o della presenza di qualsiasi materiale che possa aver causato o accelerato il rogo a Marina di Montemarciano. Qualunque cosa insomma che possa indirizzare gli inquirenti verso la pista accidentale o verso quella dolosa.

In un primo momento si era fatta largo l’ipotesi che il rogo fosse stato provocato: lo stabilimento era infatti chiuso dal 14 settembre, ma al momento sia i Vigili del fuoco che hanno presentato una relazione sull’episodio, sia i Carabinieri non possono escludere alcuna pista.
Accertamenti sono in corso anche in campo amministrativo: dai Carabinieri arriva la conferma che il locale non era assicurato.

L'incendio che ha distrutto lo stabilimento balneare "Chateau Chateur" a Marina di Montemarciano
L’incendio che ha distrutto lo stabilimento balneare “Chateau Chateur” a Marina di Montemarciano